Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 124 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 26/04/2013, 11:39 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 9:57
Messaggi: 16495
Località: Milano
Sì, certo, non importa se siano in B o C.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 26/04/2013, 14:04 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 14/02/2013, 19:42
Messaggi: 155
Località: Parma
Grazie mille!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re:
 Messaggio Inviato: 04/05/2013, 19:24 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 18/10/2007, 11:25
Messaggi: 720
Lola ha scritto:
Ipotizziamo l'uso di estremi con buchi tra un tipo e l'altro:
solo olio leggerissimo con cere (che so, dicaprylyl ether + emulsionanti cerosi e cetil palmitato) crema secca, asciutta, poco confortevole perchè si spalma bene e poi frena all'improvviso.
Solo olii leggeri: sensazione di crema vuota e sintetica, assorbimento abbastanza veloce, rimasuglio di setosità.

È da un po' che spignatto. Ho una pelle del viso normale, tendente al grasso più che al secco e sensibile .
Vado dalla dermatologa che mi dice che sto ingrassando troppo la mia pelle e vista anche la presenza di alcune macchie sul viso ( non visibili ad occhio nudo ma viste da lei con una lente d ingradimento) mi prescrive una crema contenente dentro del retinolo :oo: , e calcolando approssimativamente la componente degli olii secondo me 3% massimo 4%.
Nella composizione non c e un olio vegetale ma solo sintetici tra cui in quinta posizione il trietilesanoina, in sesta il c12-15 alkyl benzoate e in terza un bel ciclopentasiloxane . Direi che la sensazione ricade più nella prima ipotesi che nella seconda, cioè crema asciutta, frena e la sensazione però toccando la pelle bella credo per la presenza di siliconi vari.
Volendo riprodurne una simile, mettere solo olii sintetici, bandendo il silicone ed omettendo gli olii vegetali, la formulazione oltre ai problemi già esposti non risulta meno nutriente per la pelle? Nel senso una crema con soli oli vegetali e una con solo oli sintetici avrà una differenza di proprietà sulla pelle o no?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 04/05/2013, 20:20 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 02/03/2012, 20:44
Messaggi: 990
E' da un po' che me lo chiedevo anche io. Da quanto mi ero immaginata, la cascata 'regola' la sensazione sulla pelle e gli olietti, se qualcosa contengono, non possono che fare ''bene'', altrimenti forniscono solo emolienza, poi i funzionali li metti a parte... rimango in attesa di risposta delle esperte.

OT: .. REBBY 0.0 la tua derma ti vede le macchie con la lente di ingradimento e ti da una crema al retinolo?? :? A me chiederebbe di incendiarmi al faccia! :eyes:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 05/05/2013, 9:31 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35838
Località: Monfalcone
La formulazione leggera risulta meno emolliente, ovvero meno unta. Se di unto non hai bisogno, se la pelle non tira dopo il lavaggio, se non ti squamizzi sulla fronte e sulle guance a febbraio con gli ultimi freddi, allora no non hai bisogno di ulteriore quota lipidica e puoi benissimo mettere una crema molto leggera come grassi.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 05/05/2013, 9:49 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 18/10/2007, 11:25
Messaggi: 720
Ogni tanto con i lavaggi la pelle sento che ha bisogno di nutrimento. Squamizzare mai. C e differenza tra una crema con un 3 % di oli sintetici e la stessa con un 3 % di oli vegetali leggeri? O come dice veravidel non cambia praticamente nulla ?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 23/11/2013, 16:07 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 09/07/2013, 16:52
Messaggi: 15
Località: Trento
Sono mesi che appena ho tempo leggo e rileggo questo topic e "Pesantezza e diffondibilità degli olii (tabelle comparative)" cercando di capirci sempre meglio... (me tonta, sì!)
Vorrei avere conferma se ho capito bene, o indicazioni su cosa non ho capito.

Domanda 1) Se devo scegliere come fare una cascata, seguirei questi passaggi:
- decidere la percentuale di grassi totali che voglio mettere nell'emulsione;
- decidere come ripartire la quantità totale nelle varie categorie (cere, burri, oli pesanti, medi, leggeri e leggerissimi);
- Sulla base della densità* divido in gruppi gli oli che ho in leggeri/medi ecc.
- all'interno di ogni categoria scelgo quelli con SV in valore maggiore

*(sulla base della densità, o direttamente dello spreading value -> alto valore = più leggero, basso valore = pesante?)

Domanda 2 (se è OT la splittiamo in "pesantezza[...]oli"?)
In linea di massima, è sempre meglio preferire:
- oli con maggior quantità grassi ploiinsaturi (anche se più "delicati" in senso di conservabilità);
- un po' di saturi (ma non troppo perchè si "impaccano" maggiormente);
- evitare invece quelli con maggior presenza di monoinsaturi?

Se la risposta a quest'ultima domenda è sì, posso semplicemente rapportare i dati delle colonne di Sushi del foglio "composizione oli" per sceglierli?

_________________
Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari. Sir Harry Swanson


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 23/11/2013, 21:10 
Non connesso
Spignattatrice scientifica
Spignattatrice scientifica
Avatar utente

Iscritto il: 29/07/2010, 21:52
Messaggi: 1412
Domanda 1: tutto esatto. In quanto a densità o SV: ricordati che conosciamo lo SV di solo pochissimi oli vegetali, e credo che tutti quanti comunque rientrano nel valore basso (valore medio e alto ce l'hanno solo gli esteri, eteri e ottildodecanolo). Se li conoscessimo tutti sarebbe una figata, e la cascata sarebbe la cosa più facile del mondo :roll:

Domanda 2: in linea di massima è meglio avere sia l'uno che l'altro; le emulsioni a caldo di soli saturi (burri) sono pesanti; emulsioni a caldo con solo oli poliinsaturi impossibili perché dovresti metterli tutti in C; i monoinsaturi invece li puoi scaldare e sono liquidi (es: oliva). Perché vorresti evitarli?

_________________
Nie jest łatwo pojąć nawet to
to że co rano słońce świeci
że świat będzie jakim stworzą go
niepoczęte jeszcze dzieci.


(Piotr Rubik, Strażnik raju)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 26/11/2013, 12:12 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 09/07/2013, 16:52
Messaggi: 15
Località: Trento
Grazie Sushi, mi stai illuminando ;)
Per quanto riguarda i monoinsaturi mi riferivo a questo intervento (sempre nell'altro argomento)
sushi ha scritto:
Gli acidi monoinsaturi (acido oleico e acido palmitoleico) sono quelli che hanno un solo doppio legame e possono risultare problematici. Tutti e due sono presenti in piccole quantità nel sebo umano, la loro percentuale si alza nelle persone che soffrono di acne. Se applicati sulla pelle hanno la proprietà di alzare il livello di Ca2+ il ché porta ad una cheratinizzazione abnormale. La conseguenza sono i comedoni e l'acne. In più il sebo con alta percentuale di acido oleico risulta più secco e anche più irritante per la pelle. Ecco spiegato perché l'olio di mandorle può risultare pesante ed è comedogeno, anche se non molto denso, infatti contiene dal 60 al 75% di acido oleico.


Ma quindi... il top del top sarebbe emulsionare a freddo oli con maggor quantità di linoleico, detto questo, emulsionando a caldo, dobbiamo trovare un giusto mix fra le tre tipologie che ci permette di inserire in c il più possibile di questi oli?

Scriverò a babbo natale che voglio gli SV degli oli vegetali :lol:

_________________
Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari. Sir Harry Swanson


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 26/11/2013, 15:26 
Non connesso
Spignattatrice scientifica
Spignattatrice scientifica
Avatar utente

Iscritto il: 29/07/2010, 21:52
Messaggi: 1412
Alice dipende tutto cosa vuoi fare. Non c'è nessuna linea o guida da seguire. I monoinsaturi non sono "cattivi" o da evitare, anzi. Possono però (secondo gli studi) dare problemi a chi ha la pelle acneica.... possono dare, non danno. E poi c'è sempre la questione della quantità; lo stesso olio monoinsaturo all'1% non farà niente, al 10% sì...

Se Babbo natale ti risponde facci un fischio :lol: :lol:

_________________
Nie jest łatwo pojąć nawet to
to że co rano słońce świeci
że świat będzie jakim stworzą go
niepoczęte jeszcze dzieci.


(Piotr Rubik, Strażnik raju)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 26/11/2013, 15:59 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 09/07/2013, 16:52
Messaggi: 15
Località: Trento
é vero sushi, come non è assoluto che "quell'olio" fà venire i punti neri ;)
Continuo a chiarirmi le idee per capire cosa voglio :P
Grazie!

_________________
Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari. Sir Harry Swanson


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 05/12/2013, 16:43 
Non connesso
utente
utente

Iscritto il: 03/12/2013, 18:55
Messaggi: 29
Località: Lombardia
Scusate ma non riesco proprio a capire una cosa... per capire se un olio è leggero o pesante mi pare di aver capito che ci si può basare sulla tabella che riporta la densità degli oli che si può trovare qui giusto? ma perchè per esempio l'olio di vinaccioli è considerato leggero pur essendo tra gli ultimi della tabella? mentre l'olio d'oliva, che mi sembrerebbe un olio pesante, è all'inizio? scusate se è una domanda stupida ma è il mio primo messaggio, sto ancora studiando :oops: :oops:

_________________
Sorridi alla fortuna, non vorrà più andarsene!

Immagine


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 06/12/2013, 9:42 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 09/07/2013, 16:52
Messaggi: 15
Località: Trento
chicca92 credevo anche io fosse solo una questione di densità! Invece pare sia molto più complicato: densità e "sensazione" di pesantezza/leggerezza non vanno sempre di pari passo. Ci sono oli appunto come quello di vinaccoli che sono densi, ma se li provi da soli sulla pelle.... non li definiresti certo pesanti! L'unica è provarli puri e capire un po' come "ci stanno", a mò di vestito ;)

_________________
Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari. Sir Harry Swanson


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 06/12/2013, 16:53 
Non connesso
utente
utente

Iscritto il: 03/12/2013, 18:55
Messaggi: 29
Località: Lombardia
ah ora ho capito quindi devo proprio provarli!! ti ringrazio :)

_________________
Sorridi alla fortuna, non vorrà più andarsene!

Immagine


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 06/12/2013, 17:08 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 09/07/2013, 16:52
Messaggi: 15
Località: Trento
Figurati! é un passaggio che cerchiamo di evitare per dati già certi e sicuri.... ma prima o poi ci tocca metterci mano! ;)

_________________
Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari. Sir Harry Swanson


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 08/01/2014, 17:37 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/04/2010, 12:50
Messaggi: 476
Località: Montecatini...
Allora, premetto che ho fatto svariate creme, ho copiato per la maggior parte, ho tentato di farne qualcuna da sola. Oggi mi sono riletta questo topic e mi sono decisa a tentare un grafico. Purtroppo non ho le conoscenze chimiche e scientifiche che molti di voi hanno e non sono certa di aver fatto tutto bene.
Ho costruito questo grafico, tentando di fare una curva che avesse un senso ed ho aggiustato le percentuali dei grassi in base alla linea.
Ho provato anche ad inserire alcune delle mie creme nel suddetto grafico e non vi sto a far vedere che è venuto fuori :oo: tutto fuorchè una curva!

http://img826.imageshack.us/img826/4882/qc32.png

Qualcuno più esperto mi sa dire se questo lavoro non serve a niente o se può agevolarmi per avere una cascata decente dei grassi?

_________________
...vivi ogni giorno come fosse l'ultimo, gusta ogni attimo...


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 08/01/2014, 18:05 
Non connesso
Spignattatrice Esperta
Spignattatrice Esperta
Avatar utente

Iscritto il: 18/05/2010, 15:43
Messaggi: 2190
Località: napoli
io non ho mai costruito un grafico per fare una cascata, però secondo me non va costruito così ma per categorie.
Provo a spiegarmi meglio :)
molte di noi usano molti oli in piccole percentuali per cercare di creare una "sequenza" di oli armonica in modo da non sentire lo stacco nella spalmabilità. Ora se tu trasporti in un grafico una crema fatta così non ne esce niente, se invece il grafico lo fai considerando le categorie: esteri, leggeri, medi, pesanti burri già è più verosimile che la tua curva rispecchi la sensorialità della crema. Se ti attieni alla curva così come la hai concepita ti trovi con l'olio centrale sovrarappresentato.
La curva che hai concepito è pesantuccia, incentrata suglio oli medi, Se traduci in un grafico la "Cascata più figa dell'universo" applicando le categorie leggeri medi pesanti e burri hai uno "scivolo" e non una curva gaussiana come la tua.

_________________
Odio gli indifferenti.
A.Gramsci


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 08/01/2014, 18:12 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/04/2010, 12:50
Messaggi: 476
Località: Montecatini...
Grazie ora provo :)

_________________
...vivi ogni giorno come fosse l'ultimo, gusta ogni attimo...


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 08/01/2014, 21:18 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 9:54
Messaggi: 4655
ludovica66 ha scritto:
Se traduci in un grafico la "Cascata più figa dell'universo" applicando le categorie leggeri medi pesanti e burri hai uno "scivolo" e non una curva gaussiana come la tua.


Onestamente è quello che ho sempre pensato anch'io e non capisco perchè si usi la gaussiana (finta) che risulta spesso fuorviante

Qualcuna di voi si è messa a fare una gaussiana "vera" con distrib norm e compagnia bella senza semplicemente ordinare i valori in modo da ottenere una campana ?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Formulare creme - l'effetto cascata
 Messaggio Inviato: 09/01/2014, 10:37 
Connesso
Mago del Marketing e del Packaging
Mago del Marketing e del Packaging

Iscritto il: 05/04/2010, 17:54
Messaggi: 2124
Località: Manfredonia
Ma comunque non fissiamoci troppo co' sto grafico, perchè non è che dobbiamo per forza tradurre la cascata dei grassi in grafico, bisogna andare anche un pò a sentimento.
Se proprio non si vuole rinunciare ad un grafico, anzichè una curva, immaginiamoci una retta che è più semplice e mettiamo in sequenza i grassi dal più leggero al più pesante.

Rappresentare con un grafico i grassi in base alla loro densità, rapportare questo grafico ad una crema è..."freddo".
La cosa migliore è provare tutti i grassi della dispensa sul proprio braccio e constatarne la densità, la spandibilità, l'assorbimento.
Solo così si può capire perchè una crema si stende all'infinto, è troppo unta etc. e solo così si può aggiustare la cascata alla crema successiva.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 124 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb