Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Regole del forum


in questa sezione NON SI POSTANO INCI



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 24/09/2007, 10:27 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 04/10/2006, 22:49
Messaggi: 165
Mi sono accorta che il Tetrasodium Etidronate è compreso nella lista degli ingredienti non ammessi dal disciplinare Aiab/Icea: ero convinta del contrario, cioè che fosse l'alternativa ecobio dell'Edta. Qualcuno mi può illuminare sul perché Aiab non lo ammette? :mah:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 22/10/2007, 22:43 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 04/10/2006, 22:49
Messaggi: 165
Ho l'impressione che l'argomento non sia stato tanto gettonato... :oops:
Mi autorispondo comunque, magari tornerà utile un domani a qualche altro curiosone ;)
La risposta arriva da uno scambio di mail (chi mi conosce sa che ho le dita molto veloci e la mail di richiesta info sempre in tasca :mirmo: ) tra Rossi, Aiab e Fabrizio Zago (infatti trovate questo intervento anche su promiseland).

POSIZIONE AIAB
In sostanza, l'acido etidronico è stato inserito nella lista negativa per la forte azione chelante dei fosfonati con i metalli, per la bassa biodegradabilità (principalmente fotochimica e, in misura minore, aerobica) e per l'azione irritante su persone affette da fenomeni eczematosi.

POSIZIONE BIODIZIONARIO
Considerata la scarsità di dati sull'impatto ambientale dell'acido etidronico, la cosa più logica da fare è un risk assessment, cioè verificare se la sostanza si ritrova nell'ambiente dopo la sua immissione. E, a questo proposito un risk assessment è stato fatto fare appositamente da Fabrizio. Risultato: NON è vero che i fosfonati NON siano biodegradabili: lo sono poco ma lo sono, mentre l’EDTA no. Inoltre, non sono pericolosi per contatto umano e viene dimostrato come siano fotodegradabili.

Dopo aver valutato la posizione del biodizionario, con ogni probabilità Aiab prenderà in considerazione la possibilità di eliminare l'acido etidronico dall'elenco delle materie prime non ammesse.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2007, 8:37 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 9:47
Messaggi: 36918
Località: Monfalcone
Più che altro nessuno sapeva rispondere. Interessantissimo quello che hai scritto, ti rendi conto che con la tua indagine hai contribuito a fare cambiare posizione ad aiab? :)

_________________
"One Pot" should be illegal


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2007, 9:30 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 04/10/2006, 22:49
Messaggi: 165
:first: :100:
Più che altro mi viene da ridere: adesso che si è aperta la porticina, mi sovvengono tutta una serie di domande simil-etidronato che attendono risposta aiabesca... :twisted:
anche loro cominceranno a conoscermi come 'rossi la scassona' :mirmo:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 0:00 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/02/2009, 20:59
Messaggi: 157
Località: Milano
Mi attacco qua per una domanda pratica...

L'etidronato di sodio finora l'ho usato solo nel sapone, in presenza di argille, per preservarlo da un irrancidimento precoce.

Dato però che un sequestrante può tornare comodo anche per altri spignatti, qualcuno sa gentilmente illuminarmi sulle percentuali d'uso, ad esempio, in creme viso e corpo?

Ci sono eventuali controindicazioni o avvertenze circa il suo impiego in prodotti non a risciacquo?

Grazie a chiunque vorrà aiutarmi :) .


Ultima modifica di Minerva il 21/06/2011, 14:09, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 13:40 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/02/2009, 20:59
Messaggi: 157
Località: Milano
Mi rispondo - in parte - da sola. Ho trovato la scheda tecnica del Turpinal 4NL (tetrasodium etidronate sol. ~30%), che è quello che ho io. L'ho linkata anche nel topic di Anto dedicato alle schede tecniche.

Come percentuale d'uso indicano un intervallo di 0,1 - 1,5%, senza alcuna formulazione di esempio. Dato che il range è parecchio ampio, la scheda non mi è di grande aiuto...

Nessuno che abbia usato il sodio etidronato in spignatti che non siano saponi? Immagine


Ultima modifica di Minerva il 21/06/2011, 14:06, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 14:04 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 8:54
Messaggi: 4674
Io avevo tenuto buona come dose 0.1-0.2

Potenzia anche l'efficacia dei conservanti (ne parlava sempre anche Zago) quindi col caldo in preparazioni gel o liquide non è una cattiva idea aggiungerlo.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 17:29 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/02/2009, 20:59
Messaggi: 157
Località: Milano
Grazie Anto =).

La dose che citi tu è riferita alla sostanza pura, o in soluzione a qualche percentuale? Così posso farmi i debiti calcoli.

Ti risultano interazioni strane con altre sostanze, o accorgimenti particolari da adottare per le formulazioni leave-on? La scheda tecnica che ho citato purtroppo è molto povera di informazioni...


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 18:40 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 8:54
Messaggi: 4674
Uso anch'io lo stesso prodotto Turpinal 4NL

Nei saponi vado veramente ad occhio .

Nei cosmetici tengo quelle dosi che ti ho dtto (uso comunque acqua distillata e osmotizzata) ma in effetti forse ce ne andrebbe un po' di più visto che è in soluzione

Fabrizio scriveva:

Nell'industria cosmetica l'EDTA si usa come il prezzemolo in cucina, il dosaggio medio è di 0,2% sul prodotto finito. Ufficialmente il motivo adotto è che l'EDTA sequestrando la durezza dell'acqua rende gli shamppo, ad esempio, più cristallini, più trasparenti. Tra uno shampo con EDTA e lo stesso senza, il primo farà più schiuma del secondo.
Ma dicevo questa è la versione ufficiale, in realtà la ragione vera è che l'EDTA è un super coadiuvante antibatterico cioè funziona come un conservante attaccando la barriera cellulare dei microrganismi e quindi siccome sembra più bello scrivere EDTA invece che Formaldeide ecco che l'EDTA gode di grande impiego.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 19:10 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/02/2009, 20:59
Messaggi: 157
Località: Milano
Grazie ancora :).

In sostanza quindi il dosaggio del sodio etidronato è come quello del tetrasodium EDTA, se non ho frainteso la tua citazione di Fabrizio.

Buono a sapersi, scommetto che sull'EDTA si trova più materiale in rete...


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 05/07/2010, 19:43 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 8:57
Messaggi: 16613
Località: Milano
anto ha scritto:
l'EDTA è un super coadiuvante antibatterico cioè funziona come un conservante attaccando la barriera cellulare dei microrganismi


Mi hai fatto venirte in mente una cosa: nel mio passato da ricercatrice facevo colture cellulari.
Tali colture le facevo crescere in un incubatore a 37°C con sul fondo dell'acqua per mantenere l'ambiente umido. Per evitare che quest'acqua si inquinasse (e che si inquinassero le colture) ci versavo un po' di una soluzione di EDTA e risolvevo il problema ;) quindi sì, funziona anche come conservante.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 20/09/2010, 11:48 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2009, 10:25
Messaggi: 119
Località: provincia sud di Roma
Quindi va bene trovarlo in ultima posizione ai fini di conservazione, per quanto riguarda una saponetta?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 20/09/2010, 11:59 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 8:54
Messaggi: 4674
tagliar ha scritto:
quindi sì, funziona anche come conservante.


Adesso mi devo scollegare ma se vi interessa ho una tabella del suo uso come booster dei sistemi conservanti.

Per farla breve comunque ad esempio il turpinal si possono usare meno conservanti.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 20/09/2010, 12:38 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 8:57
Messaggi: 16613
Località: Milano
Clara ha scritto:
Quindi va bene trovarlo in ultima posizione ai fini di conservazione, per quanto riguarda una saponetta?


In una saponetta lo vedo più come chelante di ioni che come conservante, comunque il concetto è sempre quello: un chelante come questo sottrae gli ioni bivalenti dalla soluzione, quindi il suo effetto diventa conservante, antiossidante e impedisce la precipitazione dei sali tra questi ioni e gli acidi grassi del sapone, sali che formano la patina unta in lavandini/vasche/docce.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 24/11/2014, 12:43 
Non connesso
Spignattatore
Spignattatore
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2013, 22:44
Messaggi: 1479
Località: Genève - Suisse Romande
Buongiorno,
ho cercato in rete ma non ho trovato niente. Ne su promiseland ne altrove.
Dove posso trovare una fonte attendibile che accerti questi dati:
rossi ha scritto:
POSIZIONE BIODIZIONARIO
Considerata la scarsità di dati sull'impatto ambientale dell'acido etidronico, la cosa più logica da fare è un risk assessment, cioè verificare se la sostanza si ritrova nell'ambiente dopo la sua immissione. E, a questo proposito un risk assessment è stato fatto fare appositamente da Fabrizio. Risultato: NON è vero che i fosfonati NON siano biodegradabili: lo sono poco ma lo sono, mentre l’EDTA no. Inoltre, non sono pericolosi per contatto umano e viene dimostrato come siano fotodegradabili.


E' in corso una diatriba su un gruppo di sapone francese perché uso il tetrasodio etridronato e nel loro biodizionario non è eco-bio :evil:

_________________
Immagine
Karim


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 24/11/2014, 13:36 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 8:57
Messaggi: 16613
Località: Milano
L'unica cosa che ho trovato è qui (scheda di sicurezza) al punto 12: http://www.viacheminc.com/wp-content/up ... e-E-39.pdf

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 24/11/2014, 14:40 
Non connesso
Spignattatore
Spignattatore
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2013, 22:44
Messaggi: 1479
Località: Genève - Suisse Romande
:ok: Grazie Tagliar

_________________
Immagine
Karim


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 25/11/2014, 9:11 
Non connesso
esimio cosmetologo
esimio cosmetologo
Avatar utente

Iscritto il: 13/12/2006, 8:58
Messaggi: 689
Le problematiche di impatto ambientale sono complesse e a parte le tante chiacchiere in rete e le opinioni più o meno interessate è disponibile in rete il database ecotossicologico.

http://ec.europa.eu/environment/ecolabe ... rt%20A.pdf

per come fare le valutazioni di risk assessment ambientale degli editronati ne ho parlato qui.
http://www.nononsensecosmethic.org/etid ... a-alledta/

_________________
Paracelso -
stufo di bufale cosmetiche - http://www.nononsensecosmethic.org


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 25/11/2014, 11:32 
Non connesso
Spignattatore
Spignattatore
Avatar utente

Iscritto il: 25/10/2013, 22:44
Messaggi: 1479
Località: Genève - Suisse Romande
Grazie infinite Paracelso :ok:

_________________
Immagine
Karim


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Tetrasodium etidronate
 Messaggio Inviato: 10/09/2018, 5:59 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 25/05/2018, 7:39
Messaggi: 169
Località: Milano
Buongiorno, chiedo a voi esperti se è normale trovare delle inclusioni nel flacone di tetrasodio etidronato... sono come delle velature bianco opalescente. Ho appena acquistato la soluzione al 30% da La Saponaria, la scadenza è 2020. Le inclusioni erano presenti già prima che aprissi la confezione.
Grazie

_________________
La giovinezza è una conquista dello spirito che si raggiunge solo ad una certa età (Proust)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb