Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Regole del forum


in questa sezione NON SI POSTANO INCI



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 163 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 9  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Idrolati
 Messaggio Inviato: 27/04/2012, 15:01 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 18/10/2007, 10:25
Messaggi: 720
Buongiorno a tutte e a tutti!
Ho visto che non c e un topic dedicato.
Vorrei capire se ha senso spendere qualcosa in più e preferire gli idrolati alla semplice acqua distillata.
Altro dubbio è relativo al loro uso e precisamente se scaldati in fase A, perdano le loro caratteristiche.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 27/04/2012, 15:46 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 9:47
Messaggi: 38279
Località: Monfalcone
Quando ho visto il titolo del topic ho strabuzzato gli occhi, possibile che in 5 anni e mezzo di forum nessuno avesse aperto il topic sugli idrolati? :D:

Gli idrolati sono il sottoprodotto della distillazione dell'olio essenziale, con in quale condividono l profumazione, ma non totalmente perchè accolgono entro di sè tutte le sostanze idrosolubili che nell'OE non rimangono, quindi il profumo è per forza un po' diverso e pure i principi attivi.

Molto usati in cosmetica sono gli idrolati di rosa e di fiori d'arancio, per l'impareggiabile profumo, di hamamelis per l'effettiva capacità astringente (notare che non esiste un OE di amamelide, i principi attivi astringenti sono tutti idrosolubili) e di fiordaliso ed eufrasia come addolcenti, soprattutto per preparazioni destinate agli occhi. Degni di nota sono anche quelli di lavanda e di camomilla.

Ci si può perdere nel mondo degli idrolati, e si rischia di acquistarne litri, convinti dalle descrizioni roboanti dei venditori sulle loro proprietà, che a parte l'amemelide sono alquanto modeste. Lo spignattatore avrà sicuramente nel suo armadietto dei buoni idrolati di rosa, fiori d'arancio ed amamelide, gli altri sono sufficientemente inutili e conviene spendere i propri soldi in altri principi attivi, come ad esmepio l'olio essenziale tratto dalla stessa pianta.

_________________
"One Pot" should be illegal


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 28/04/2012, 7:28 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 18/10/2007, 10:25
Messaggi: 720
Presa da acquisti da spignattore compulsivo, avevo anch io ceduto alla tentazione di idrolato di cipresso, idrolato di rosa e idrolato di amamelide.
L idrolato di amamelide e di rosa li ho utilizzati in
Fase a nelle preparazioni di creme viso...finche un bel giorno mi sono detta..."ma se li tengo in frigo perché poi li scaldo nelle fasi, non rischio di vanificare le loro proprietà ?"
Da quel giorno giacciono in frigo in attesa che qualcuno risolva il dubbio amletico :mah: :neutral:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 28/04/2012, 8:54 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/01/2011, 14:10
Messaggi: 4543
Località: Flatlandia
se si ottengono per distillazione, non dovrebbero essere termolabili.
o no? :nonso:

_________________
Timeo Danaos et dona ferentes


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 28/04/2012, 16:06 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice

Iscritto il: 07/10/2006, 15:39
Messaggi: 10628
Un idrolato di solito ha pH leggermente acido per via della presenza delle sostanze acide da idrolisi.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 10:08 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 06/03/2012, 17:32
Messaggi: 146
Località: Roma
Per tagliare la testa al toro,direi che vanno benissimo nei gel,dove non si scaldano e possono apportare tutti i benefici di cui sono capaci,che siano tanti o pochi :)

Io ho fatto un tonico con aceto di mele e bucce d'arancia.Per diluirlo invece che l'acqua distillata ho usato l'acqua di rose,la prossima volta userò quella di fiori d'arancio.

Insomma ci sono vari modi per utilizzarli al massimo


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 12:18 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 29/09/2006, 10:58
Messaggi: 1770
Località: in Rhaude aeree
Come ha scritto giustamente Bluebruja, sono ottenuti per distillazione in corrente di vapore, ovvero ad una temperature intorno ai 100°C, per cui un pò di calore lo possono sopportare benissimo. Unico possibile neo è il loro profumo, molto volatile, che può disperdersi maggiormente con il calore... ma qui rasentiamo l'iperpuntigliosità :D:

_________________
Landr-eco-bio...con qualche piccolo compromesso

ARCADIA-IL FORUM DELLE ERBE OFFICINALI


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 12:23 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 06/10/2011, 16:12
Messaggi: 795
Località: Roma
io ultimamente li sto usando al posto dell'acqua (o x sostituirla in parte) e devo dire che mi piacciono molto perché lo spignatto acquista un profumo delicato e non aggiungo ulteriore profumazione. Fin'ora ho usato acqua di rose e di fiori d'arancio :cuori:

_________________
When I became the sun
I shone life into the man's hearts


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 13:13 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 18/10/2007, 10:25
Messaggi: 720
Landre ha scritto:
per cui un pò di calore lo possono sopportare benissimo. :D:

Quindi il dubbio amletico, salvo eventuali altre opinioni, è risolto :
Gli idrolati non sono termolabili!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 13:44 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 12/07/2009, 10:17
Messaggi: 432
Località: milano
No.
Reggere qualche calore non significa che non sono termolabili.
Scaldarli un minimo è diverso da tenerli in un bagnomaria bollente per dieci minuti.
Inoltre ciò che è stato scaldato una volta, non è detto che sia stabile ad alte temperatura e che non si deteriori scaldandolo nuovamente.
La domanda è: che cosa ti interessa nell'idrolato?
Profumo? Proprietà date?
Se è il primo, lo senti a naso quando il riscaldamento ha fatto perdere qualcosa, per il resto ti farai una ricerca caso per caso.
Io personalmente credo che il solo idrolato che valga la pena di comprare sia quello di amamelide, il resto è colore.
Comunque preferisco una bella tintura.
Perciò cerca di capire che caratteristica cerchi e da cose è data, non limitarti a spuntare una casella nella tua check list.
E poi magari prova l'idrolato puro e il preparato che lo contiene per confrontare la resa.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 14:33 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 06/05/2010, 0:26
Messaggi: 52
Località: Bassano del Grappa
concordo nell'utilizzarli principalmente a freddo, ma mica solo per i tonici! io ho usato l'idrolato di amamelide come base per la formazione di un gel di jaluronico e per un fondotinta emulsionato a freddo! 8)
sarebbe interessante avere più informazioni rispetto la possibilità di estrarre principi attivi idrosolubili in questa maniera, la distillazione infatti se fatta a pressione adeguata permette l'ebollizione a temperature molto inferiori ai 100°C e quindi permette di preservare anche i principi attivi termolabili.. Landre, tu non pensi che se facciamo i macerati glicerinati per estrarre le sostanze idrosolubili allora potremmo pensare di usare anche la distillazione a basse temperature per ottenere gli stessi composti evitandoci però la glicerina e l'alcool?

_________________
Sara
____________________________________
The Naming of Cats is a difficult matter,
It isn't just one of your holiday games;
You may think at first I'm as mad as a hatter
When I tell you, a cat must have THREE DIFFERENT NAMES.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 14:57 
Non connesso
utente
utente

Iscritto il: 18/10/2011, 14:45
Messaggi: 36
Sposto un attimo l'accento: ho trovato che tutti gli idrolati provati (salvia, verbena, rosa di maggio, pompelmo) sono tutti lievemente astringenti e schiarenti del colorito. In questo senso tutti benefici per la mia pelle mista e delicata. Deduco che la differenze tra uno e l'altro consista principlamente nel livello di astringenza, e forse lievissima inclinazione verso una maggiore acidità.

Sarakarma: anch'io ho programmato di inserire un idrolato nel prossimo sodio ialuronato. Hai trovato un qualche variazione rispetto al gel fatto con acqua? a parte la piacevolezza odorosa


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 29/04/2012, 15:19 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 06/05/2010, 0:26
Messaggi: 52
Località: Bassano del Grappa
nuancedebleu ha scritto:
Sarakarma: anch'io ho programmato di inserire un idrolato nel prossimo sodio ialuronato. Hai trovato un qualche variazione rispetto al gel fatto con acqua? a parte la piacevolezza odorosa

non ci sono state variazioni in termini di consistenza del gel mentre per quanto riguarda l'effetto non ti saprei dire perchè ho usato il gel di jaluronico (allo 1,5%) fatto in amamelide come mezzo nel quale disciogliere tutti i miei attivi solubili per farne un siero bomba pre trucco :twisted: e quindi c'erano troppi attivi in gioco per vedere il solo effetto dell'amamelide, che però avevo già provato da sola e mi piaceva.
io penso che usare gli idrolati per fare il gel di jaluronico sia come prendere due piccioni con una fava! :ok:

_________________
Sara
____________________________________
The Naming of Cats is a difficult matter,
It isn't just one of your holiday games;
You may think at first I'm as mad as a hatter
When I tell you, a cat must have THREE DIFFERENT NAMES.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 12:08 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 29/09/2006, 10:58
Messaggi: 1770
Località: in Rhaude aeree
Carondimonio ha scritto:
Reggere qualche calore non significa che non sono termolabili.
Scaldarli un minimo è diverso da tenerli in un bagnomaria bollente per dieci minuti.
Inoltre ciò che è stato scaldato una volta, non è detto che sia stabile ad alte temperatura e che non si deteriori scaldandolo nuovamente.

Giustissimo. Però inizio a pormi delle domande su come facciate le creme... le mettete per caso a bollire per ore ed ore??? :nonso: :D:

_________________
Landr-eco-bio...con qualche piccolo compromesso

ARCADIA-IL FORUM DELLE ERBE OFFICINALI


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 12:14 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 9:47
Messaggi: 38279
Località: Monfalcone
No, ma come sai riscaldamento per 5 minuti, a 70 gradi per altri 5 minuti in cui si frulla, poi raffreddamento che può dura anche mezz'ora. Quindi un 40 minuti l'idrolato sta al di sopra della temperatura ambiente.b

_________________
"One Pot" should be illegal


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 13:47 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 29/09/2006, 10:58
Messaggi: 1770
Località: in Rhaude aeree
Anch'io preferisco utilizzare le sostanze vegetali a freddo ( fase C ) e sicuramente alcune di queste sono molto delicate e termolabili... però a 70°C per qualche minuto ( perché non rimani a 70°C fissi costanti per 40 minuti ) non credo sia una situazione di estremo pericolo per le acque aromatiche. ;)

_________________
Landr-eco-bio...con qualche piccolo compromesso

ARCADIA-IL FORUM DELLE ERBE OFFICINALI


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 16:51 
Non connesso
novellino
novellino
Avatar utente

Iscritto il: 08/01/2010, 18:10
Messaggi: 16
Località: Napoli
Io non so se si può linkare, e se magari se ne è già parlato o qualcuno lo ha fatto... nel caso eliminate pure, ma in rete, girovagando, ho trovato questo blog che spiega come fare oli essenziali e idrolati in casa :oo:
non mi sembra facile, ma nemmeno impossibile, se riesco a procurarmi la serpentina, il resto che occore è già in casa
ve lo sottopongo

http://impatiens-magicanatura.blogspot. ... apore.html

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 17:05 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 9:47
Messaggi: 38279
Località: Monfalcone
ma non c'è nessun problema anche a fare così, l'unica cosa che mi lascia perplessa è che Galatea, che è l'unica che qui dentro ha distillato davvero, mi dice che di OE ne produci forse una o due gocce con la quantità di piante che potrebbe stare in quel cestino per la cottura a vapore, quindi la foto del prelevamento dell'OE con siringa è sicuramente artefatta e dimostrativa.

_________________
"One Pot" should be illegal


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 17:15 
Non connesso
utente
utente

Iscritto il: 18/10/2011, 14:45
Messaggi: 36
Lola, non so quanto o.e. riesca a raccogliere con quel metodo, ma conosco la persona del blog che é un'appassionata di erbe e di rimedi galenici e di sicuro non mette su tutto quell'ambaradam per qualcosa di artefatto e dimostrativo. Diciamo piuttosto che non si arrende ai limiti imposti dalla ...materia erbe.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Idrolati
 Messaggio Inviato: 30/04/2012, 17:21 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice

Iscritto il: 07/10/2006, 15:39
Messaggi: 10628
Vorrà dire che sta dieci ore al giorno, sette giorni su sette, a distillare grosse quantità di erbe.
Non si contesta il metodo, seppur rudimentale, ma la "proposta" di quantità che sembrerebbe di poter ottenere: quella che visualizza sul blog con le foto si ottiene solo trattando grossi pesi.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 163 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 9  Prossimo

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 12 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb