Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 132 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Sostituire l'acqua a 100 con tisane
 Messaggio Inviato: 23/01/2011, 20:19 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 07/11/2008, 11:03
Messaggi: 129
E' da un po' che mi frulla in testa questa idea, ossia fare delle tisane utilizzando l'acqua distillata al posto dell'acqua da bere e poi una volta raffreddate utilizzarle al posto dell'acqua a 100 nelle preparazioni cosmetiche....quindi tisane drenanti per creme anticellulite, tisane ai frutti di bosco per creme e gel viso ecc...., ovviamente fatte al momento della preparazione....idea insana?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/01/2011, 20:29 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
A mio parere usare tisane/infusi per spignatti è utile per preparazioni estemporanee da usare al momento, in un paio di giorni ma anche meno i principi estratti, che sono pochi e non titolati, sono già deteriorati, non mi risulta ci sia modo di stabilizzarli in formula per un uso a lungo termine.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/01/2011, 10:28 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 24/09/2009, 13:22
Messaggi: 1227
Località: Gorizia
Non riesco del tutto a capire questa cosa: supponendo di essere riusciti ad estrarre un principio attivo - tra l'altro un principio attivo non termolabile, dato che l'infuso lo facciamo con acqua bollente - per che motivo non dovrebbe mantenersi nella crema? Puoi farmi un esempio concreto? (se non ti fa perdere troppo tempo, chiaramente. La mia è solo curiosità scientifica)
A me il dubbio forte che viene sull'uso di infusi riguarda la conservabilità (sono paranoica al riguardo! :D: ), nel senso che le piante potrebbero portare spore resistenti al calore e quindi favorire il degrado della crema.
Oltre a concordare con il fatto che la concentrazione di principi attivi in una tisana è senz'altro bassa.

_________________
melarossa


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/01/2011, 17:09 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
Perchè quanto disciolto nella tisana non è stabilizzato e si ossida e deteriora, i conservanti inseriti in formula servono a preservare dalla proliferazione batterica e non a stabilizzare il composto; pensa alle creme in commercio con vitamina C o altri attivi deteriorabili seppur stabilizzati, si devono consumare velocemente perchè comunque si alterano.
Dò per scontato che stiamo parlando delle bustine di erbe che compriamo in negozio o erboristeria, non degli estratti secchi stabilizzati acquistati nei siti di materie prime cosmetiche.


Ultima modifica di Laura il 24/01/2011, 20:02, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 17:39 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 06/05/2008, 16:01
Messaggi: 354
Località: Genova
Laura ha scritto:
Perchè quanto disciolto nella tisana non è stabilizzato e si ossida e deteriora, .


è il discorso del fitocomplesso: una pianta è un contenitore di principi attivi, che agiscono in maniera sinergica. le varie componenti chimiche si stabilizzano tra di loro e concorrono tutte a dare l'effetto terapeutico finale.

basti pensare alla vit c, che è molto meglio assorbita, da meno effetti collaterali ed è più stabile se presa come acerola piuttosto che da sola.

_________________
Immagine

la vera eleganza non consiste nel farsi notare ma nel farsi ricordare


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 17:54 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
Ok però la tisana, fitocomplesso o non, pure se conservata in frigo il giorno dopo è da buttare.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 26/01/2011, 0:03 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 06/05/2008, 16:01
Messaggi: 354
Località: Genova
Infatti: farsi la tisana è un mezzo di estrazione di alcuni principi attivi, quelli più idrosolubili e dei principi attivi volatili, soprattutto se ci mettiamo sopra il coperchietto. quindi il fitocomplesso viene danneggiato e la tisana, complice anche l'acqua che in questo caso fa da solvente, dopo poco è da buttare.

Io sinceramente la bevo solo nel giro di qualche ora, oltre rischio di bermi o di mettermi in faccia un sacco di roba già ossidata che mi danneggia pure

_________________
Immagine

la vera eleganza non consiste nel farsi notare ma nel farsi ricordare


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 30/01/2011, 22:15 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 30/11/2010, 13:32
Messaggi: 93
Nella ricettina del mio shampoo alla camomilla e miele ho messo il decotto di calendula e camomilla al posto dell'acqua.

Nel caso lasciassi la ricetta così com'è, quanto durerebbe il mio shampoo più o meno?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 30/01/2011, 23:09 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 06/05/2008, 16:01
Messaggi: 354
Località: Genova
Se li metti in uno shampoo che sciacqua subito sicuramente ti poni meno il problema della durata, che comunque rimane la stessa,
ma secondo me non ha tantissimo senso comunque. già l'infuso ha una blanda azione, in più ti sciacqui dopo qualche minuto..

Puoi prepararti un infuso di camomilla e calendula e usarlo per l'ultimo risciacquo

_________________
Immagine

la vera eleganza non consiste nel farsi notare ma nel farsi ricordare


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 06/02/2011, 12:12 
Non connesso
novellino
novellino

Iscritto il: 25/01/2011, 17:03
Messaggi: 1
Località: Reggio Emilia
E se invece al posto di un infuso usassi un idrolato, lo posso usare nello stesso modo uso l'acqua??

_________________
beatrices


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 07/02/2011, 12:22 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
L'idrolato è composto diverso da una tisana perchè i componenti estratti sono differenti. L'idrolato è stabile, di solito vi aggiungono un conservante perchè sempre di acqua contaminabile si tratta.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 23/02/2011, 18:53 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/10/2007, 23:31
Messaggi: 146
Località: Lecce
Scusate, ma volendo sostituire la semplice acqua con idrolati o acqua di lavanda, vite rossa ecc... dovendo essere scaldate perderebbero le loro proprietà? Converrebbe dunque rinunciarci?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 24/02/2011, 22:47 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/11/2009, 22:52
Messaggi: 945
Località: milano
gli idrolati non andrebbero scaldati. ma a me piacciono, sono poetici, e ogni tanto li uso ;)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 26/02/2011, 17:13 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 12/07/2009, 11:17
Messaggi: 436
Località: milano
Premetto che io faccio infusi a freddo (faccio scaldare l'acqua e quando è scesa sotto i 40°C la verso sulla droga e tappo per almeno 24 ore); l'ho fatto con calendula, malva, amamelide e rosmarino freschi per estrarre mucillagini, flavonoidi e tannini, tutti termolabili. Valussi diceva che così si ottiene una sostanza molto più ricca di un idrolato.
Non capisco perché dopo uno o due giorni dovrebbero essersi persi tutti i principi. L'esempio della vitamina C non calza perché quella è addirittura fotolabile.
Guardo, ad esempio, questo tonico Fitocose alle mucillagini di malva: ha una scadenza a 24 mesi e un pao di quattro. Dite che contiene stabilizzanti?.
Le mucillagini le vendono anche in bottiglia e qua hanno aggiunto solo potassio sorbato per conservare.
Faccio l'esempio delle mucillagini perché vengono 'isolate' dal fitocompplesso, mentre un flacone di tannini non si trova tanto facilmente.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 27/02/2011, 14:01 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
carondimonio ha scritto:
Faccio l'esempio delle mucillagini perché vengono 'isolate' dal fitocompplesso, ...

Esempio inappropriato in quanto le mucillagini sono cosa diversa da flavonoidi, tannini, vitamine e fitocomplesso in generale soggetto a rapido deperimento se non stabilizzato. Le mucillagini una volta estratte si possono conservare e l'azione da loro svolta è più che altro di carattere "meccanico", cioè umettano trattenendo acqua.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 27/02/2011, 17:12 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 12/07/2009, 11:17
Messaggi: 436
Località: milano
Va bene: niente mucillagini, cioè meglio così visto che si conservano.
I tannini. In realtà, gli esempi li pesco tra quello che ricordo e che mi sembra possa avere un senso; se ce ne sono di migliori...
Esiste un articoletto di Lola su Saicosatispalmi (cercherò il link) in cui cita Valussi, dicendo che non è vero che l'idrolato di amamelide sia un prodotto più funzionale di un infuso a freddo, che è anzi molto più astringente.
Allora ne ho dedotto, ma forse ho sbagliato, che in una preaparazione fosse meglio usare l'infuso.
Invece vuol dire che il secondo sarà pure più ricco, ma non è stabile, quindi dopo due giorni l'emulsione non conterrà più tannini?

Eccolo. In conclusione, si descrive come conservarlo.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: sostituire l'acqua a 100 con tisana
 Messaggio Inviato: 27/02/2011, 20:30 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
carondimonio ha scritto:
Invece vuol dire che il secondo sarà pure più ricco, ma non è stabile, quindi dopo due giorni l'emulsione non conterrà più tannini?

Che io sappia è così, deperiscono, sarebbe meglio usarli sempre freschi.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Riprodurre la brufocrema - edit: la BRUFOPAIA :DDD
 Messaggio Inviato: 15/10/2011, 13:19 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10505
Domando a Puman e Landre:
1) L'infuso messo nello spignatto si deteriora nelle sue componenti utili in quanto tempo? E' un tempo misurabile? Due giorni, un mese, tre mesi?
2) Come possiamo sapere se gli estratti utili per i quali decidiamo di mettere un infuso sono sufficienti o insufficienti all'attività che vorremmo?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Riprodurre la brufocrema - edit: la BRUFOPAIA :DDD
 Messaggio Inviato: 16/10/2011, 12:42 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 12/09/2011, 13:50
Messaggi: 74
Va da se che l'infuso in uno spignatto non può essere considerato come attivo principale, ma come "adiuvante" cioè di aiuto all'attivo principale.
In sè per sè esso si deteriora in un paio di giorni o anche meno, ma in un prodotto non lo ritengo deteriorabile fin quanto non compromette la stabilità del prodotto stesso...
Quindi di fatto, se mettete un infuso al posto dell'acqua in una crema aiuterete certamente gli attivi stessi...

Alla seconda domanda di laura rispondo che non possiamo sapere con precisione la quantià di PA presente in una droga (si chiama natura ed è inutile porci rimedio) nè la quantità che noi con un infuso riusciamo ad estrarre.

So che questo esula dai concetti di matematica applicata (giustissimi per insegnare) tipici di questo forum ma con la natura non sempre è possibile essere cartesiani.

_________________
Se Dio esistesse sarebbe il RE dello Houmor nero!!!!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Riprodurre la brufocrema - edit: la BRUFOPAIA :DDD
 Messaggio Inviato: 16/10/2011, 22:30 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 12/07/2009, 11:17
Messaggi: 436
Località: milano
puman ha scritto:
In sè per sè esso si deteriora in un paio di giorni o anche meno, ma in un prodotto non lo ritengo deteriorabile fin quanto non compromette la stabilità del prodotto stesso...

Cosa intendi per deterioramento?
Perdere i suoi principi? Ricettare batteri? Darsi alle cattive letture?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 132 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto


Chi c’è in linea

Visitano il forum: eccome e 8 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb. Viaggi