Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: cartine al tornasole e pH
 Messaggio Inviato: 21/05/2010, 18:40 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
E' stato scritto in molti posti, ma preferisco unificare le istruzioni sulle cartine al tornasole in un unico posto.

Prima cosa: ne esistono essenzialmente di due tipi: i rotolini, di cui si utilizza un pezzetto da intingere nel prodotto, e le strisce, ogni striscia può essere usata per una sola misurazione.
Le cartine in rotolo sono più economiche, ma talmente imprecise nel responso che non le considereremo nemmeno. Qui parliamo delle cartine in strisce.

Si trovano in farmacia (molto care, dai 23 fino a 36 euro al pacco da 100) o nei vari siti (Vernile le vende a 17 euro) oppure ci si può organizzare con un ordine collettivo, riuscendo a pagarle, con spedizione e tutto, sui 15 euro.

Ognuno ne deve possedere una confezione intera, non si può smezzare con un amico: questo perchè ogni misurazione va confrontata con la scala colorimetrica che si trova sulla scatola, niente scatola niente confronto.

Quando finalmente le avete in mano prendete un paio di forbici (se avete in casa quelle coi manici neri di plastica e le lame in acciaio funzionano meglio) e tagliate una striscia SECONDO LA LUNGHEZZA in 4 striscioline uguali. Se all'inizio avete 1 striscia lunga 8 centimetri e larga mezzo centimetro dovrete ottenere 4 striscioline sempre lunghe 8 cm ma larghe un millimetro abbondante (si fa tranquillamente, se vi pare di non riuscire tagliatele solo in due invece che in 4, ma ogni misurazione costerà il doppio). Questo per abbattere il costo di ogni misurazione, che 100 cartine sembrano tante all'inizio, ma in realtà per uno spignatto può accadere di dovere misurare il pH anche tre o quattro volte.

Bene, immergetele con la parte colorata tenendole per la parte bianca che fa solo da impugnatura nel prodotto che volete misurare, basta un secondo; toglietela, pulite la cartina col dito se c'è eccesso di prodotto, confrontate con la scala di colori sulla confezione.

Dove coincidono tutti e 4 i colori, quello è il vostro pH.

Per fare delle belle prove vi consiglio di provare a misurare la schiuma di una saponetta solida che avrete bagnato con acqua (sarà 8 o 9) una crema o un bagnoschiuma (che sarà sul 5-6) e acqua con un cucchiaino di aceto dentro (saremo sul 3).


Immagine


Come si regola il pH

Tutti gli spignatti devono avere un pH compreso tra il 5 ed il 7, senza stare tanto a badare al mezzo punto; uniche eccezioni quelli che possono entrare in contatto con gli occhi e quindi bruciare è meglio che siano a pH 7, e i detergenti intimi possono avere anche pH più bassi, fino a 4. Anche i trattamenti a base di acidi è meglio che siano portati almeno a pH4. Se lo si lascia più basso possono essere pericolosi.

(parole dedicate solo ai novellini, sono di un'ovvietà imbarazzante ma a quanto pare ce n'é bisogno)

Il pH è neutro a 7, da 0 a 7 è acido, da 7 a 14 é basico.

Sono ugualmente aggressive sulla pelle sostanze troppo acide e sostanze troppo basiche, anche le basi ustionano (la soda caustica, la calce viva ad esempio)

A pH tra il 4 e il 10 non ci sono particolari rischi per la nostra pelle, se non di piccole irritazioni ma niente di grave, evitate come la peste pH più alti o più bassi.

Se dopo aver misurato il pH del vostro spignatto scoprite che è 10 e a voi serviva 5,5 dovete abbassarlo, quindi aggiungere ACIDO. Citrico o lattico, tipicamente.

Se scoprite che è 3 allora dovete alzarlo fino a 5,5, quindi dovete aggiungere una BASE. che non sarà bicarbonato che vi verrebbe una gazzosa frizzante, ma soda caustica in soluzione acquosa, che ne basta poca e non frizza.

Se per portare uno spignatto da pH 7 a pH 6 avete usato ad esempio 3 gocce di acido lattico, se ne mettete altre 3 non arriverete a 5, e con altre 3 non arriverete a pH 4; ci vorrà tanto più acido per muovere il pH di pochissimo più ci allontaniamo dalla neutralità cioé dal 7. Capita di dover modificare il pH di una soluzione di acqua e acido glicolico in percentuale alta; siamo vicino al 2, per arrivare a 4 ci vorranno vagonate ( leggi cucchiaini) di soda caustica pura, non basterà aggiungere gocce di soluzione, non si sposterebbe di un millimetro.

Capita di aver abbondato mentre aggiustate il pH. In quel caso aggiustate con la sostanza opposta (avete messo troppo acido lattico? aggiungete soda caustica. Troppa soda e siete a pH 8? aggiungete acido lattico o citrico in soluzione, il tutto fino a pH desiderato). Il prodotto di questi aggiustamenti è SODIO LATTATO (un buon idratante della pelle, non aggressivo) o SODIO CITRATO (che frizza e vi fa lievitare la crema, e non è aggressivo nemmeno lui). Entrambi smontano il carbomer, il tinovis, il poliacrilato, e tendono a sfasciare le emulsioni, quindi se possibile evitate i balletti di pH, aggiustatelo con pazienza senza esagerare, potreste trovarvi in mano un prodotto liquidificato o separato, anche se non dannoso.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Ultima modifica di Lola il 24/05/2010, 10:34, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/05/2010, 17:01 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 05/10/2006, 17:39
Messaggi: 816
Località: sulle dolci colline tra Pesaro e Urbino...
Lola, poi magari cancella se pensi che non sia interessante :)

Le cartine in rotolo danno misurazioni precise se... le guardi nella luce giusta.
Alla luce del giorno, la cartina in rotolo carlo*erba mi dà esattamente la stessa misura di pH delle strisce carlo*erba - strisce uguali a quelle della foto.
Se si lavora con luce artificiale invece vincono le strisce, qualsiasi tipo di lampada si usi.
Il rotolo è del tipo con intervallo di pH 1-11, le strisce 0-14.
Io comincio con il rotolino, affino il pH e faccio l'ultimo controllo con le strisce. Tagliate in quattro, naturalmente 8)

_________________
"Quando l'ultimo albero sarà abbattuto,
quando l'ultimo fiume sarà avvelenato,
quando l'ultimo pesce sarà catturato,
allora vi accorgerete che i soldi non si possono mangiare"
(monito degli indiani Cree del Quebec)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/05/2010, 17:08 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
Le avevo usate anch'io, il problema era che il colore non era uniforme ma diventava diverso sui bordi.. insomma continuo a pensarle ben imprecise.

Aggiungo osservazioni che possono tornare utili a tutti:

Tra le sostanze di noi spignattatori, che sono un po' delicate rispetto al pH, mi vengono in mente:

- urea: va sempre aggiunta a pH<6 e, se il pH si alza, riportarlo giù (a pH basico l'urea libera ammoniaca)
- stearamidopropyl dimethylamine: deve essere acidificata moltissimo perchè tende ad alzare il pH
- uviox (estratto di bucce di uva rossa): so che si deve usare a pH max 5, altrimenti si degrada, ma non so se lo aggiungo ad es. a pH 7 se la degradazione sia immediata (e non credo proprio)
- niacinamide: stabile in un range di pH che va da 5 a 7, se inferiore si trasforma in acido nicotinico, irritante
- antociani: e tutti i vegetali rossi e viola (karkadè, mirtillo, lampone, uva eccetera) a pH basico, oltre il 7, diventano violacei grigiastri e nerastri; molto probabilmente perdono anche le loro caratteristiche antiossidanti
- potassio sorbato e sodio benzoato: conservano solo a pH inferiore o uguale a 5
- phenonip: conserva a pH fra 4 e 8 (non usatelo per conservare una preparazione che contenga sapone ad esempio, o una crema depilatoria)
- allume e alluminio cloroidrato: non vanno MAI tamponati, bisogna lasciarli al pH che hanno altrimenti non funzionano, e creano sali insolubili gelatinosi.
- bicarbonato: se lo si usa come ingrediente deodorante bisogna lasciarlo al suo pH che è 9, non va acidificato, diventa inefficace (oltre che frizzare)
- sapone: va lasciato al suo pH che è 8-9-10; se si tenta di acidificarlo si separa in grumi unti che non fanno più schiuma
- carbomer, poliacrilato, tinovis, carbopol aqua: gelificano solo a pH 6, bisogna arrivarci con poca soluzione di soda per volta: se si esagera, tornare indietro con acido non serve a nulla, il gel è rovinato per sempre
- sarcosinato: diventa denso a pH 5, bisogna arrivarci acidificando. se si esageras non si recupera in densità aggiungendo soda, la densità è rovinata per sempre.
- ossido di zinco: va ben acidificato, a pH 5, in modo da contrastare la sua tendenza ad alzare il pH col tempo.

da questo semplice schemino, confrontando, si vedono subito le varie incompatibilità pH dipendenti, basta un po' di fantasia (esempi: no vino per colorare il sapone di rosso, diventa grigio; no potassio sorbato e sodio benzoato a conservare una crema gelificata con carbomer, o un bagno olio con carbopol aqua; no urea e ossido di zinco; no mirtillo e ossido di zinco...)

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/05/2010, 22:08 
Non connesso
Spignattatrice Esperta
Spignattatrice Esperta
Avatar utente

Iscritto il: 05/11/2008, 0:42
Messaggi: 1216
Località: Pisa
Lola, che dici delle Panpeha? Io non mi sto trovando bene, le ho pagate circa 21 Euro 200 strisce, che sono anche belle larghe e si dividono bene in più parti, ma i colori non rispettano molto la scala in foto sulla confezione, mi lasciano sempre indecisa. Sarà che ci devo fare l'occhio?

_________________
.
.
La Felicità è uno stato mentale

avatar: Illustrazione di Elena Cannella, ispirata all'acquarellista svedese Stina Persson


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 12/10/2010, 12:28 
Non connesso
novellino
novellino

Iscritto il: 23/05/2010, 17:17
Messaggi: 12
Domanda stupida :oops: ...va bene anche un misuratore di ph elettronico? :roll:

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 12/10/2010, 12:34 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
Sì.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 12/10/2010, 22:32 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 28/05/2007, 16:02
Messaggi: 644
ma non è magari che il problema del phmetro sia quello di aver bisogno di essere periodicamente settato con una soluzione a ph noto?

Se cosi' è, è evidente che con una cartina hai vita più facile, e risultato più sicuro.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 12/10/2010, 23:58 
Non connesso
novellino
novellino

Iscritto il: 23/05/2010, 17:17
Messaggi: 12
L'ho trovato su ebay a 10 euro comprese spese di spedizione, se riesco a farlo funzionare ho risparmiato tanti soldi in cartine :roll: Spero che non sia come quello di lola :?

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 13/10/2010, 10:56 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 9:57
Messaggi: 14354
Località: Milano
Temo sia una ciofeca: un pHmetro serio costa decisamente molto di più.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 13/10/2010, 11:03 
Non connesso
novellino
novellino

Iscritto il: 23/05/2010, 17:17
Messaggi: 12
è arrivato e funziona bene..almeno per ora, solo che è una scocciatura pulirlo :evil:

_________________
Immagine


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/12/2010, 1:33 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 08/06/2010, 10:37
Messaggi: 67
tagliar ha scritto:
Temo sia una ciofeca: un pHmetro serio costa decisamente molto di più.


confermo... il mio l'ho pagato quasi 200 euro... con sonda specifica per creme. Ogni tanto verifico le tarature, ma dire che se perdo dopo 100 misurazioni lo 0,01 di taratura è tanto. devo dire di essere contentone dello strumento. Ovviamente io lo uso anche per altre cose oltre agli spignatti, (solo per quelli non avrei speso così tanto) ma misurare il ph con uno strumento così è uno spasso...

:)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: cartine ph
 Messaggio Inviato: 14/01/2011, 0:29 
Non connesso
novellino
novellino

Iscritto il: 01/01/2011, 13:18
Messaggi: 2
Località: napoli
ho trovato delle cartine per la misurazione del ph in una parafarmacia sotto casa,ma non so se vanno bene...Mi sa che sono simili a quelle in rotolo :?
La marca è PASCOE 21 cartine indicatrici ph urinario. range 5,6-8,0.Costo 5 euro per 21 strisce.Non so caricare le foto,ma,se qualcuno mi sa spiegare come si fà,le ho...Grazie a chiunque mi sappia dare un consiglio eù7o un parere.
ciao a tutti!

_________________
Marty


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 14/01/2011, 5:11 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
Non vanno bene, range di pH troppo ristretto.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 18/01/2011, 19:34 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
Valori di pH indicativi per i vari prodotti:

- ph di un detergente intimo: 4.5
- ph di un latte detergente: 6-7
- ph di un tonico: 4.5-5.5
- ph di uno shampoo: 4.5 - 5
- ph di un balsamo: 4.5
- ph crema viso 5.5 - 6.5
- ph crema corpo: 5.5-6.5 (a meno che non sia una crema esfoliante allora sarà sul 4)
- ph gel doccia: 5.5 - 6.5

In ogni caso non serve essere tanto precisi e fiscali col pH, che del mezzo punto la pelle non si accorge; se un cosmetico addensa a pH 6 inutile incaponirsi a portarlo a 5.5 e tenerselo liquido, non ha senso.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/01/2011, 14:33 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 11/10/2010, 16:50
Messaggi: 50
siccome qui si parla di ph vorrei porre la mia domanda, se il mio composta è eccessivamente basico lo correggo con l'acido lattico o citrico che sia, ma se è troppo acido ? soluzione di soda caustica ? :)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/01/2011, 14:42 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 27577
Località: Monfalcone
Sì.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 13:57 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 23/04/2010, 17:47
Messaggi: 65
Località: Piombino
domandina: ho fatto un tonico che risulta acido... ho provato ad alzare il ph mettendo qualche goccia di acqua e bicarbonato, ma è cambiato poco o nulla! :? come mai?

_________________
Gli uomini credono volentieri che ciò che desiderano sia vero.


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 14:27 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 9:57
Messaggi: 14354
Località: Milano
Perchè il bicarbonato basifica poco (è una base debole). Ci vorrebbe la soda caustica (base forte), così ne useresti di meno.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 15:31 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 03/11/2009, 0:20
Messaggi: 1199
Ma se non si ha la soda caustica, la soluzione con acqua e bicarbonato va bene lo stesso o sarebbe meglio in ogni caso la soda?


Top 
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/01/2011, 16:54 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 9:57
Messaggi: 14354
Località: Milano
Trousse ha scritto:
Ma se non si ha la soda caustica, la soluzione con acqua e bicarbonato va bene lo stesso o sarebbe meglio in ogni caso la soda?


Tieni conto che il bicarbonato fa frizzare la crema/tonico/gel... insomma tutto quello che è acido e di cui si deve alzare il pH.
Temo che in una crema la CO2 che si sviluppa poi non se ne vada del tutto, lasciando bollicine.

Se non avete la soda, usate il bicarbonato (non penso che ci siano altre soluzioni a portata di mano), però magari dovete aggiungerne tanto, portando a instabilità una crema o diluendo un gel.

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Indice » I vostri problemi di pelle e capelli » Le basi dello spignatto


Chi c’è in linea

Visitano il forum: edea86, Yahoo [Bot] e 2 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb