Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » Prodotti in vendita » I vostri commenti




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 62 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 30/10/2013, 19:18 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Grazie ad Anto, che ringrazio moltissimo, ho scoperto l’esistenza di questo fornitore
Hermitage Oils

Edit Serena: aperto anche Hermitage Oils Italia

vende oli essenziali, assolute ed estratti CO2 (e sintetici) e l’ho adorato praticamente da subito. Con la scusa del mio compleanno che incombe sono riuscita a farmi regalare un bel po’ di oli e assolute e non ho ancora saziato la mia brama di annusare e ri-annusare tutto. Che felicità! Già quando devo ricevere pacchi di materie prime sto in fibrillazione, ma quando devo ricevere assolute mi emoziono proprio.

Sono rimasta molto soddisfatta, a partire dal sito che personalmente trovo piacevole da consultare sia per le informazioni/curiosità che per le descrizioni dei profumi, spesso carenti in siti di questo genere. Qui sono particolarmente galeotte (io vi ho avvisati :D: ).

Servizio clienti pure ineccepibile, Adam il proprietario risponde entro poche ore, gentilissimo e disponibile.
I prezzi non sono economici ma nemmeno esosi, diciamo che mi sembrano generalmente equi, soprattutto in rapporto alla qualità che devo dire per le cose che ho provato mi è sembrata più che buona.
Ci sono degli articoli veramente rari e preziosi normalmente destinati alla profumeria fai da te, e quelli ovviamente costano (mi riferisco ai naturali) così come costano le mie adorate assolute di fiori, come purtroppo è ovvio che sia (sigh!), comunque anche in questo caso i prezzi mi sembrano nella media per il genere.

Spedizione celere (pacco inviato dopo due giorni e ha impiegato meno di una settimana per arrivare sano e salvo) e buon imballaggio.

Insomma per me promossissimo e già sogno un secondo ordine (anzi, quasi quasi per sentirmi meno in colpa prima o poi tenterei un OC, gh!).


Le difficoltà che si possono incontrare derivano dai problemi di cambio con la sterlina, dato che il tasso di cambio applicato da paypal a quanto capisco fluttuando non corrisponde con la traduzione in euro fatta a spanne sul sito, quindi su questo occhio.

Altra cosa da tenere presente è che il sito della Royal Mail traccia il pacco finché non arriva in Italia. Poi viene preso in consegna da Poste Italiane e si può seguire sul dovequando sempre con lo stesso tracking number. Sicuramente per i più è un’ovvietà, ma mi è sembrato meglio specificare.


Qualcun altro ha avuto esperienze con questo fornitore?

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 05/11/2013, 21:02 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Aggiorno con le recensioni degli oli che più mi sono piaciuti:

Assoluta fiori d’arancio, all’inizio trovavo che la nota di testa era seconda rispetto a quella che avevo già (di Dacor, più secca e fine), solo che poi quando sono arrivate le note di cuore e base ho tirato fuori la bandierina bianca, non c’è partita! Questa di Hermitage è molto più complessa e tenace, direi quasi narcotica, sicuramente a me da’ dipendenza (sono rovinata!). Fantastica.

Assoluta di rosa damascena (Turchia), una tra le migliori mai provate se non proprio la migliore, molto vivace e fedele, né troppo dolce né troppo spenta, la adoro. Rispetto alle altre che ho (altre ditte, sempre di buona qualità) questa è quella meno dolce-zuccherina, ma più veritiera: appena stappata la bottiglietta esce subito un’ondata inconfondibile di rosa con nota di testa più decisa rispetto alle altre, che sono un pochino più “timide” (bisogna stare un po’ lì ad annusare prima di avvertire la rosa, anche se poi sono buone pure loro).

Assoluta di lavanda. Non sono una fan della lavanda, ma l’assoluta non l’avevo mai provata ed è stata una vera sorpresa: per niente canforata, anzi quasi mielata, morbida e dolce, per me femminile, la vedo bene con fiori. Concordo nel dire che non ha nulla a che vedere con l’O.E. di lavanda. Ah, ed è di un bel verde smeraldo-blu.

CO2 legno di quercia, anche questa ha suscitato entusiasmo in casa. Concordo in pieno con la descrizione fatta sul sito, e aggiungo che sa proprio di un buon rum stagionato in botte di rovere. Magari non tutti lo troverebbero usabile, ma a me è un tipo di odore che attrae moltissimo!

O.E. Assenzio. Fedelissimo, chi è attratto dal profumo della foglia stropicciata dell’assenzio qua ci resta secco, è davvero buonissimo. Non fosse per il tujone (che non è precisamente acqua fresca, per cui è vivamente sconsigliato inalare a lungo quest’olio) starei sempre ad annusarlo.

O.E. neroli, (non si nota che adoro i fiori d’arancio..), pure questo molto buono e fedele, pur con i limiti di un OE di fiori d’arancio (si sente quel retrogusto di neroli “cotto” dovuto alla sofferenza inferta ai fiori dalla corrente di vapore). Comunque per gli amanti del neroli secondo me può essere la via di mezzo con buon rapporto qualità/prezzo.

Vetiver CO2, questo più che me ha fatto impazzire Biancospino, a me piace, ma non ci ho perso la testa, almeno non annusandolo dalla bottiglietta. Per me diventa interessante nei mix, in piiicola quantità, un terroso-legnoso(secco) affascinante.

Assoluta oliva, questa non è piaciuta molto, più che altro perché mi aspettavo una nota molto amara, pulita, astringente, verde; invece sa di oliva troppo matura e ora non ho la più pallida idea di dove usarla! meno male che non è stata un grande azzardo!.. (beh poi magari sono io che come è noto in materia di olive sono una gran ca..a ..azzi, però..).

O.E. Sandalo Vanuatu: l’ho preso incuriosita per l’aspetto ecosostenibilità che è la mia grande spina nel fianco quando si parla di sandalo (uff), devo dire che non è male ma devo ancora studiarmelo bene, comunque annusando dalla boccetta lo trovo abbastanza diverso dal santalum album, buono, ma diverso, poi sulla pelle col passare del tempo tira fuori il sandalo che c’è in lui e la nota “diversa”, che non riesco bene ad identificare (direi sul resinoso), passa in secondo piano.
Anche se a dire il vero il sandalo bianco dovrebbe essere generalmente più potente rispetto all’austrocaledonicum, ho l’impressione che la nota sconosciuta di quest’ultimo aiuti a percepirne più nitidamente il profumo (lo dico perché parlando di sandalo –naturale e non- non sono poche le persone che hanno problemi di anosmia), o almeno così è per il mio naso. Però però.. personalmente non ho ancora mai messo le mani su un buon OE di sandalo bianco, quindi non posso comparare come si deve. Mmm, da approfondire ma interessante.

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 06/11/2013, 14:18 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 9:54
Messaggi: 4656
Grazie per la recensione ! Appena ho 2 minuti in più farò la recensione dei miei acquisti.

Sul Sandalo ti posso solo dire che io ne ho comperati 2 in Nuova Caledonia e sono rimasto abbastanza perplesso come te.

Dalla boccetta praticamente pochissimo profumo.
Ne metti una goccia sulla pelle e ancora niente ... Dopo un po' esce l'odore persistente di Sandalo.

Vista la tua recensione ho come il sospetto o siamo troppo abituati a quelli di sintesi (lui ne ha alcuni interessanti ) o è davvero difficile trovarne uno buono.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 06/11/2013, 14:28 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 11/09/2008, 9:55
Messaggi: 10706
Località: S. Gimignano
Io ne avevo comprato uno di marca serissima ed era uguale, addirittura avevo scritto per lagnarmi (costava un patrimonio) ma mi hanno detto che era la sua natura :D:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 06/11/2013, 14:51 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
anto ha scritto:
ho come il sospetto o siamo troppo abituati a quelli di sintesi (lui ne ha alcuni interessanti ) o è davvero difficile trovarne uno buono.


credo sia un po' tutti e due.. anzi e tre con l'intervento di Galatea!

Un po' è la natura del sandalo, che è pochissimo volatile quindi ce ne vuole prima di cominciare ad avvertirlo, un po' che siamo abituati ai prodotti "al sandalo" che contengono sintetici che cercano di limitare questo inconveniente (cercando bene ma non me ne intendo per niente ci dovrebbero essere dei sintetici che servono proprio a dare la sensazione di sandalo già come nota di cuore.. insomma ne alzano la percettibilità -e volatilità (mi sono spiegata di cacca :oops: ) se non sbaglio ne parlavano su basenotes, il forum sui profumi.. ma è andato in crash e adesso è un po' un macello recuperare i topic).
Un po' è anche che ormai un buon O.E. di sandalo è un impresa trovarlo e anche qualora riuscisse.. è un crimine! :cry:

Un po' però è anche (diciamo e quattro) che l'odore del sandalo può essere proprio difficile da percepire per il nostro naso.. così che quando si annusa la bottiglietta non si sente niente.. la cosa è migliorabile allenandosi ad annusarlo mixato con altro (chessò vaniglia?) e poi annusare la vaniglia da sola. La differenza (ovviamente!) è il sandalo. In breve tempo il naso si abitua a percepire il sandalo meglio e prima (da solo o in mix).
L'esperimento è divertente! (sempre che ci diverta con poco, eh :roll: )

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 20/03/2014, 22:37 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Seconda tornata con Hermitage e confermo l’impressione molto positiva.
Questa volta ho preso roba un po’ più “serio-utilitaristica” e meno capricci, (seeee!)

Però prima le cattive notizie: innanzitutto la spedizione gratuita in Europa si riferisce alla spesa netta, non quella lorda (tenere presente per non avere sorprese, gliel’ho segnalato, dice che preciserà :roll: ), in secondo luogo le etichette.. tendono a cancellarsi (sgrunt!) le mie le ho ripassate con un pennarellino indelebile perché a furia di aprire e chiudere non c’era rimasta nemmeno una lettera!

Invece il servizio clienti l’ho trovato ancora una volta ottimo, rispondono (più che altro risponde lui) subito, sono gentili, alla mano e disponibili, davvero sempre un piacere averci a che fare.


Stavolta recensisco:

Legno di cedro della Virginia O.E. (che poi botanicamente parlando sarebbe un ginepro, ma vabbé): nota di testa, legnoso secco maschile, inizialmente ricorda nettamente l’odore delle matite a cui si è appena fatta la punta (e infatti molte matite sono fatte proprio di legno di cedro), poi evolve e ricorda più un legno tipo sandalo, però secco, è abbastanza un must nelle profumazioni maschili, buono, rende bene, costa poco, adottato!

Amyris O.E. in effetti si nota una certa somiglianza con il vero sandalo (che nel frattempo mi sono procurata), anche se non raggiunge quella fantastica cremosità che mi fa venire l’acquolina.. epperò se per il sandalo bisogna dare via qualche organo l’amyris è decisamente molto più a buon mercato.. l’ho preso principalmente come O.E. low cost per profumare le creme..

Assoluta di funghi (boletus edulis), attratta dall’offerta in corso e il formato mini, dalla descrizione (marpione! :fangule: ) e dal fatto che io ADORO il profumo dei funghi freschi (che se non avessi quel minimo di contegno li addenterei già in bosco, crudi, che non è proprio il caso..) ho preso questa assoluta, che devo dire invece personalmente non mi è piaciuta proprio.. purtroppo sa di fungo secco, ricorda a tratti il glutammato monosodico (bleah!). Invece curiosamente è vero c’è anche un qualcosa di cioccolato fondente.. sicuramente è una stranezza (e me la sono andata a cercare), su questo non ci piove.

CO2 tè bianco.. bello! Inizialmente si sente un profumo delicato di foglia di tè, leggermente amarognolo, poi evolve e si addolcisce un po’, fino a svanire. Devo trovare un modo degno di rendergli onore, mumble, unica nota negativa direi che non rende tantissimo.
EDIT: attenzione a non sovradosare perché l'IFRA dà la camellia sinensis come sensibilizzante, la dose massima sui prodotti leave in è dello 0,1%

CO2 tiglio… oooh finalmente ho trovato qualcosa che renda degnamente l’idea del tiglio (che tra l’altro a me risultava fosse impossibile estrarne il profumo.. boh? Forse l’estrazione con CO2 è di recente introduzione?).
Allora, sicuramente non raggiunge la perfezione.. insomma non è come stare sotto un tiglio fiorito in una notte di giugno.. mi pare più vicino al profumo dell’infuso che si ottiene dai fiori, ma un po’ più dolce, soprattutto a mano a mano che passa il tempo e fino a che non svanisce. Invece provato in un profumino estemporaneo che come note di cuore aveva anche rosa e neroli (che hanno decisamente rafforzato il lato floreale) ha davvero aggiunto qualcosa al mix, ora sì che sembra il profumo di una sera di maggio-giugno! Riassumendo direi carino, anche se sicuramente non indispensabile, più per affezionati.

Ambragrigia (tintura in etanolo), questa essenza leggendaria possiede un fascino.. per chi non sapesse cos’è non vi rovino la sorpresa :D: la cercavo da tempo, ma adesso tanto è il timore reverenziale che l’ho a malapena provata.. necessito decisamente di studio se non voglio sprecare barbaramente questo materiale.
Il poco che posso dire è che provata da sola sulla pelle, dopo un iniziale spiazzamento (odore indefinibile, non vomitevole ma sicuramente non gradevole) prende corpo un profumo di pulito, delicato, persistentissimo (e infatti è un fissativo). Provato con un bouquet di rose molto delicate (alba+centifolia) per vedere se si rovinava tutto e invece no, anzi, e ha fissato benissimo (ma meno di un fissativo chimico, credo). Per il poco che ne capisco ho l’impressione che ne basti poca.

Cabreuva (O.E.). Mi ero segnata questo olio leggendo il libro della Aftel, e provandolo davvero mi chiedo come mai (almeno qui da noi) sia così poco conosciuto. Fine, delicato, fiorito (rosato, il legno più “rosato” mai sentito), legnoso-secco, molto persistente (perché mai la Aftel lo mette tra le note di testa? Praticamente è un fissativo..). Concordo pienamente che sia la via di mezzo tra sandalo e rosa, se vi piace questo abbinamento prendetelo, costa pure incredibilmente poco. Nei mix con sandalo estende quest’ultimo a meraviglia, ma appunto con un una nota un po’ più secca e fiorita. Non concordo per niente sul fatto che sia maschile (come dice Adam di Hermitage), lo vedo molto, molto versatile, ma è la mia opinione, eh.

Ambretta CO2. Di tutte le essenze che mi passano sotto il naso questa è una di quelle che trovo più difficili da decifrare, eppure (o forse proprio per questo) così conturbante, complessa, ricca ma non “pesante” come potrebbe essere un patchouli. Ora, non so se è il mio naso (possibilissimo), o se è questa versione che ho io (che rispetto alla “media” non è costata moltissimo) che è diversa dalle descrizioni del profilo olfattivo che leggo in giro, perché non ci sento per niente la nota “fiorita”. Io inizialmente la sento delicatamente speziata (verso la noce moscata), ma fine, leggermente salata. Poi sopraggiunge il muschiato, un profumo di buono, di pulito. Un’altra “perla rara”, però non mi sembra che renda moltissimo come invece dovrebbe, e (questa versione) è meglio conservarla in frigo perché potrebbe rovinarsi a causa del contenuto in acidi grassi.

Lime (fraction) O.E. usato pochissimo per una prova e per ora non mi ha convinta, sospetto ci voglia una mano molto leggera per evitare la nota “detersivo piatti” che tende a sovrastare tutto e a trasformare un mix agrumato in appunto un detersivo piatti al limone. Se qualche anima pia che ha dimestichezza con gli isolati ha idee o consigli sono tutta naso e orecchie.

Bergamotto FCF O.E. Di questo non ne ho mai abbastanza, è uno dei miei preferiti in assoluto, lo adoro. E’ quello senza furocumarine, quindi incolore, con un aroma più “pulito” e molto più raffinato (opinione personale) della versione con furocumarine (che ho, ma della Flora), che oltre alle leggere differenze in termini olfattivi è verde oliva scuro (ed è fotosensibilizzante).

Scusate, oggi sono proprio in vena chiacchierina :oops:

_________________
Lights will guide you home


Ultima modifica di biancospina il 14/04/2014, 14:16, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 24/03/2014, 11:20 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 11/07/2012, 14:46
Messaggi: 1972
Biancospina, io starei ore a leggere le tue descrizioni "olfattive" :cuori: :cuori:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 24/03/2014, 12:02 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Meredith :love:
e io passerei ore a leggere tomi sulle essenze naturali.. per poi passare alle vie di fatto :maria: ahi ahi che hobby costosi che vado trovando.. ma finché ho chi nutre i miei vizi Emoticons by Follettarosa

Scherzi a parte però restando su questo fornitore non prendetemi per (completamente :D: ) pazza, molte cose costano è vero ma io "punto" quello che vorrei prendere e procedo all'acquisto solo quando ci sono formati sufficientemente piccoli (tipo 1 o 2,5 ml) da poter azzardare quando ho ragionevoli dubbi se l'essenza mi possa piacere o no/se è troppo costosa.
Il pacco è che quando un formato finisce "sparisce" dal sito, e restano visibili solo gli altri formati in stock, quindi bisogna tenerlo un po' d'occhio per aver meglio presente la situazione (che bisogna dire non è il massimo della comodità).

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 03/05/2014, 19:43 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 12/11/2006, 19:07
Messaggi: 8744
Località: Trieste
Oh io comincio eh, scrivo tutto qua poi edito man mano che provo la mia roba.
Avvertimento: degli standard IFRA non ho gran considerazione, io sono dell'idea che quel che non strozza ingrassa - metaforicamente parlando - e che non sarà una sporcatura di olio essenziale sul polso a farmi male, quindi recensisco tutto da snasamento direttamente sulla pelle. Ovviamente è un discorso squisitamente personale quindi non è che sto invitando le persone a fare come faccio io :D:

Jasmine Sweet Tea CO2: cominciamo subito MOLTO bene, l'odore è assolutamente reale, ho una lattina di tè verde dello yunnan Dammann che ha lo stesso odore. Inizialmente fienoso, profumo di erba secca come quando si annusa l'interno della lattina del tè, tracce di camomilla, poi sulla pelle svanisce piuttosto rapidamente tutto tranne un leggero gelsomino che emerge non proprio immediatamente insieme al tè, e come del limone caramelloso che dura parecchio a lungo. Semplice, elegante.

Hay Absolute: questa era un'incognita grande come una casa, direi un piccolo investimento dato il prezzo non da ridere. Ed è paradisiaca, ho fatto bene a seguire la pancia una volta tanto: a parte le osservazioni su "sa di fieno, sa di erba secca, sa di paglia, sa di camomilla" degne di capitan ovvio, ha un qualcosa di fruttato che non mi aspettavo minimamente, ho fatto anche una figura da cretina esclamando MA SA DI MELA nel bel mezzo di una frase in cui parlavo di tutt'altro qui a casa. io ci sento mela matura, tipo quelle mele farinosissime a maturazione avanzata, e pelle di albicocca - lui sul sito invece parla di prugna/susina, e ora che ho letto quel che ne dice lui in effetti ha senso anche quello, infatti quella codina fruttata mi ricorda la parte meno aspra del femme de dandy.

Butter CO2: eh, di che deve sapere? sa di burro! :lol: io sono molto amante dell'odore del burro, e questo estratto rende bene. ricorda l'odore di quelle frolle scozzesi spaccaculi che costano un occhio della testa e ne valgono due. all'inizio ci sento una traccia di legnoso/oleoso, dopo qualche minuto trovo sappia addirittura di latte col miele, comunque sia è buono, fedele e - usato ovviamente con molta parsimonia - prevedo (ma devo provare) che sia molto utile per ammorbidire odori spigolosi (anche se probabilmente va tenuto lontano dalle cose troppo verdi). nota personale: trovo che mi stia molto bene addosso, lo sperimenterò anche da solo e vi saprò dire se la gente intorno a me è diventata verde e ha sciorinato un campionario di conati o se al contrario anche altri nasi trovano che su pelle spessa come carta velina e quasi altrettanto idratata abbia un suo perché.

OE Assenzio: mea culpa non conosco bene l'aroma dell'artemisia in qualità di pianta, quindi questo OE lo annuso "dal nulla". Sarò io, ma mi ricorda tantissimo il basilico, ma proprio TANTO: Biancospina tu che ne pensi? E' in ogni caso molto ma molto buono, su di me vira sulla menta e oserei dire anche sul pino siberiano. Amariiiiissssssimoooo!
Effetti particolari in fase di snasamento post applicazione sul polso da ormai diversi minuti non pervenuti. Peccato. :D:

Black Tea Absolute: whoa. affumicata, sembra fatta di Lapsang Souchong, in realtà è così che il tè nero forte e non zuccherato sale nel naso bevendolo, tannico ed erbaceo. Anche questa molto, molto fedele al vero. Si affievolisce molto in un amen purtroppo però, rimane leggerissima già dopo solo qualche minuto, per svanire completamente dopo un altro po'. Devo capire con cosa ancorarla, credo abbia bisogno di qualcosa di potente: secondo me l'assoluta di fieno ce la può fare, tra tutti quelli che ho provato stasera era l'highlander del mazzo e sembra anche molto compatibile.

Per stasera ho finito di snasare, mi sono lasciata gli aromachemicals per domani e la lavanda dalmata per il cuscino per stanotte, comunque le prime conclusioni sono queste:

1) ora sono cacchi mia. mi succederà come coi profumi di nicchia: e adesso chi ci torna alle fragranze "pronte"?
2) dite che è molto indecoroso valutare la cessione del quinto?
3) direi che gli standard del sito (giudizio da prendere con tutte le pinze del caso: ho pochi prodotti e poca esperienza) sono alti, e pur considerando che come ovunque ci sarà anche qui il prodotto più valido e quello meno valido, credo si possa comprare tutto sommato tranquilli.

Edit 4 maggio

Cedar Leaf: giusto perché non mi attirano gli OE potenzialmente psicotropi :D: Questo è veramente favoloso. E' sì balsamico e canforato come un pino mugo ma è insieme anche morbido e "quasi zuccheroso" come una lavanda, con la quale secondo me qualcosina in comune ce l'ha. Man mano che evapora dalla pelle e si affievolisce (processo piuttosto veloce ahimé, ma è normale), emergono note strane che a me ricordano qualcosa di simile a una colla da falegname, ma decisamente anche... lo stagno per saldature mentre fonde! :lol:

Lavender Sweetie Dalmation: questa l'ho presa perché la descrizione parlava di dolcezza estrema, di no canfora etc... HMM. Sulla pelle non mi convince molto, non sulla mia almeno: il lato positivo è una componente che io sento molto "legnosa" da quando lo applico a quando evapora quasi del tutto, c'è un odore come di falegnameria sotto, che mi piace davvero tanto. Però ci sento dentro qualcosa di acre che mi fa pensare al sudore non lavato, che comunque se ne va prima che si arrivi alla "coda" dell'olio. E' comunque vero che è dolce e meno canforata delle lavande che ho sentito prima di questa. Messa sul lenzuolo a lato del cuscino però è fenomenale, è intensa e si fa sentire a distanze cui non ero abituata con la lavanda che possiedo adesso (una lavanda bio spettacolare - ma più "delicata" - che mi ha regalato Landre), credo che questa abbia trovato la sua collocazione definitiva sul mio comodino :D:

Musk Ketone 10%: BUY ALL THE MUSKS! Talco, polvere asciutta e profumata, odore di appena stirato, di pulito, di sapone lux tirato fuori dal cassetto delle camicette della nonna dove ha riposato per un lustro. Non ho parole.
EDIT delle 22: messo alle 11, in leggerissima sporcatura (perché la boccetta che ho preso è veramente un formato lilliput, 1ml) all'interno dell'avambraccio, l'ho sentito a folate tutto il pomeriggio e lo sento ancora adesso che sono le 22. fantabuloso, knocked my socks off.

Hydrocinnamaldehyde: dalla boccetta sa di... saliva secca. non chiedetemi di spiegarmi meglio, non saprei farlo. Spalmata la solita omeogoccia sull'interno dell'avambraccio, si viene travolti da un potente aroma di pomodoro, o meglio, quello che sale nel naso quando ti fai scoppiare tra i denti un ciliegino ben maturo, per me è proprio quel che passa nel naso dalla bocca masticando la polpa dei pomodori quando è un po' farinosa. Dopo qualche minuto sopraggiunge una leggera anosmia, questo potrebbe essere vero, perché provo una sensazione diversa da quando l'odore semplicemente svanisce, quindi sono dell'idea che l'aldeide col cavolo che è evaporata, sei tu che non senti più bene gli odori. Quel che sento adesso, dopo qualche minuto, è odore di cannella come quello (terribile per i miei gusti) delle brooklyn alla cannella, quella cosiddetta "cannella amara" che non è quella che si mette nello strudel di mele, quell'altra, quella acre e allappante. Nell'insieme si capisce benissimo perché è un'aldeide che ricorda le foglie secche: se non fai troppo caso agli odori che ci senti "ricamati in mezzo" effettivamente ti pare di star pastrugnando tra le mani una foglia gialla bagnata a novembre :amour:

Safraleine: ouff! che botta al naso! è intensamente CUOIOSO ma con picchi strani di solvente, sembra di stare nel retrobottega di un calzolaio dove l'odore della pelle si mescola a quello del bostik (per fortuna senza interferenze di odore di piedi, nel caso del safraleine :lol: ). Sfuma prestissimo in un aroma che per me ricorda intensamente quello della liquirizia naturale, intendo proprio quello del legnetto quando lo mastichi da un bel po'. Eventualmente dopo qualche minuto si affievolisce e ammorbidisce e si sente un netto odore di pelle da giacca o da divano ma permane un qualcosa di benzinoso, odore di garage. Per il resto basta, non mi sembra un odore complesso o con delle sfumature particolari, gli aspetti floreali di cui parla lui io non li sento a dire la verità, semmai un qualcosa di vagamente fruttato-asprigno tipo susina acerba. Odore-mattoncino, da solo non ci fai niente.

_________________
There's a weight on you, but you can't feel it
Livin' like I do it's hard for you to see it.
Was I hurt too bad? Can I show you daylight
How could I be sad when I know that you might


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 06/05/2014, 23:20 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 9:54
Messaggi: 4656
biancospina ha scritto:
Lime (fraction) O.E. usato pochissimo per una prova e per ora non mi ha convinta, sospetto ci voglia una mano molto leggera per evitare la nota “detersivo piatti” che tende a sovrastare tutto e a trasformare un mix agrumato in appunto un detersivo piatti al limone. Se qualche anima pia che ha dimestichezza con gli isolati ha idee o consigli sono tutta naso e orecchie.


Non mi ero accorto che era in lista. Anche a me non ha fatto impazzire.
In piccole dosi unito al limone fa il suo dovere ma usato da solo mi convince poco .. anche a me ricorda troppo lo svelto al limone e similari

Meglio il "lime oxide" ma nessuno dei due sa veramente del lime che cerco ...
Insomma se spremete un po' di lime e vi annusate le mani l'odore non è quello ! :nonso:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 07/05/2014, 0:59 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Forse meglio i "classici" OE ? (quello distillato o quello spremuto a freddo) :nonso:
Io più che altro avevo preso l'isolato attratta dal discorso che fa col pompelmo, ma credo che tra l'altro ho proprio cannato il dosaggio, con questo qua d'ora in poi l'unità di misura sarà la punta di stuzzicadenti e vediamo se riesco a cavarci qualcosa! Ho anche visto che viene consigliata l'accoppiata col tabacco.. proverò, visto che a sto giro ho preso pure quello!


Serena ha scritto:

OE Assenzio: mea culpa non conosco bene l'aroma dell'artemisia in qualità di pianta, quindi questo OE lo annuso "dal nulla". Sarò io, ma mi ricorda tantissimo il basilico, ma proprio TANTO: Biancospina tu che ne pensi? E' in ogni caso molto ma molto buono, su di me vira sulla menta e oserei dire anche sul pino siberiano. Amariiiiissssssimoooo!
Effetti particolari in fase di snasamento post applicazione sul polso da ormai diversi minuti non pervenuti. Peccato. :D:



Oddio non avevo mica letto!
Da posseditrice di numerose piante di assenzio confermo che è proprio lui, artemisia absinthium sputato! Nota di testa, amaro, aromatico, caratteristico.. anche il basilico è amaro, aromatico e poco persistente (forse un pelino di più? dovrebbe essere tra le note di cuore, io lo sento un po' una via di mezzo), ma almeno io li sento ognuno fedele alla propria pianta di provenienza..
A livello di "effetti" la differenza più importante per me è che il basilico mi mette di buon umore e fa venire appetito :D: con l'assenzio finora non ho mai notato nulla di strano neppure io, ma non non ho mai abbondato, anzi, anche perché trovo che sia uno di quegli OE che non passano inosservati: 1 gtt in 100ml secondo me si fa sentire abbastanza chiaramente, sempre che non siano presenti altre essenze particolarmente prepotenti!

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 12/05/2014, 14:04 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 13/10/2011, 22:54
Messaggi: 2959
Località: Genova
Io devo risnasare tutto perchè son rimasta un pò perplessa... e davanti alle recensioni vostre mi sento piccolina... sono abituata agli oe o alle fragranze quindi ste' assolute e frazioni mi hanno lasciata così :oo: intanto posso dire che:

Butter CO2:è vero sa di burro dimontagna, quello un pò formaggioso, l'ho usato insieme a oe di mandorle AZ e vanillina GC, ne ho messe 5 gg.. non lo percepisco in realtà, forse è troppo delicato per essere usato insieme a fragranze o oe forti come quello di mandorle. :D:

_________________
offro/scambio: viewtopic.php?f=34&t=41559


Ultima modifica di pannina il 20/05/2014, 13:21, modificato 1 volta in totale.

Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 12/05/2014, 14:14 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 14/01/2009, 12:53
Messaggi: 409
Località: Roma
Appena ricevuto e....non ho resistito!!!

Ambrofix e vertofix insieme.......ammmore!!!!!!
Ho già preparato un mix......

Vi saprò ragguagliare meglio prossimamente, ma oramai sono entrata nel tunnel,come i drogati. :heart: :heart:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 12/05/2014, 15:46 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 08/04/2010, 22:46
Messaggi: 811
Località: Roma
Ecco le mie prime impressioni su snasate ripetute a quello che ho appena preso. Anticipo che la sensazione generale non è del tutto positiva.

Opoponax oe (Etiopia)
L'ho preso perché è una delle note di un profumo che mi piaceva e volevo annusarlo, e anche usarlo. Me lo immaginavo resinoso speziato, ma sa di tartufo nero. Non ho altro da dire. Mi ha veramente spiazzata. Non so se riuscirò a servirmene in qualche modo. Devo studiare.

Rosa assoluta bulgarian damascena
E' un odore di rosa ma anche di gambo della rosa, non provoca sensazioni inebrianti, non so, non mi ha convinta. Ha qualcosa nel fondo come di rosa appassita. Non lo riprenderei.

Jasmine sambac assoluta
Non ho parametri per fare confronti essendo la prima volta che acquisto il gelsomino. In effetti è buono, l'odore del fiore si sente e non ha retrogusti strani. Magari non è eccezionale, ma credo che farà il suo lavoro.

Coriander CO2 select
Questo è molto buono, non dissimile dall'oe di Az comunque (di cui sono schiava). E' dolce e avvolgente, ma in modo discreto. Una delicata, vellutata carezza.

Ylang Ylang oe grade I
Ecco questo mi ha davvero delusa. Odora di sciroppo. L'odore del fiore si percepisce molto poco, alla fine. Lo dico e lo confermo, quello di Az grade III (di qualità teoricamente inferiore quindi) è molto meglio. Sul sito ci sono diverse declinazioni di Ylang ylang, consiglierei di orientarsi sulle altre.

Bergamotto olio essenziale (BF/FCF free)
Non è male, ma neanche eccezionale. In confronto con quello di Az per me, anche in questo caso, è migliore il secondo perché più preciso e centrato.

Mi scuso se ho fatto confronti solo con gli oe di Az ma sono quelli che ho in maggior numero (a parte qualcuno della Flora).
L'impressione generale comunque è che convenga prendere qui soprattutto le cose più particolari che non si trovano altrove, perché appunto non ho notato, così di primo acchito, una differenza qualitativa percepibile.
Mi riservo di aggiungere ulteriori impressioni e valutazioni dopo averli usati, e nel caso dovessi cambiare idea su qualcosa.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 13/05/2014, 14:32 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice

Iscritto il: 08/09/2012, 16:59
Messaggi: 1805
Ecco recensioni dei miei acquisti (provati dalle 12 ad ora) Forse avrei dovuto farne meno, ma la pazienza non è il mio forte. Soddisfatta e molto.
queste sono le prime impressioni snasandole dalla bottiglietta e alcune provandole sulla pelle.

Lavandin assoluta
Ho preso questo e non l’assoluta di lavanda perché ho già un ottimo oe di lavanda officinalis e ho voluto provare il lavandino meno pregiato e apprezzato ma che a me piace comunque.
E’ sicuramente più canforato ed erboso della lavanda (quella che ho io) e mi piace, peccato non aver preso anche l’assoluta di lavanda. Me ne pento.

Honey lavanda assoluta
Questa mi ha proprio spiazzato, non mi aspettavo assolutamente una cosa del genere. Forse perché avevo in mente i due singoli elementi. Ha un profumo liquoroso, mi ricorda quei liquori di erbe molto aromatici che fa mia mamma con una punta di amaro lievemente balsamica. Forse il miele di eucalipto tende a questa profumazione. Comunque non vuol dire che non mi piace, mi ha solo colta impreparata. La lavanda si sente molto, magari non subito e io sento l’amaro del miele che sembra un paradosso, ma a me piacciono i mieli amari. Interessante ma da capire.

Basil assolute
Meraviglia. Va be, io amo il basilico, il suo profumo e il sapore che conferisce a certi cibi. Trovo che esalti proprio alcuni elementi. Sa di basilico fresco ma pestato nel mortaio. Temevo arrivasse con un sentore un po’ marcio, invece no. Credo che abbia un carattere dominante, pertanto da usare con parsimonia. Io l’ho preso da usare col mandarino che adoro. Li ho annusati insieme e si fondono davvero bene, anche se appunto il basilico sovrasta.

Oe petrigrain mandarinato
Altra meraviglia. Ok ho la fissa del mandarino, ho già un ottimo oe di mandarino, ma questo è qualcosa di diverso. Ora, non ho bene in mente il petigrain (l’ho provato e so che mi piaceva molto ma non lo ricordo bene) ma quando lo snasi, prima sembra quasi abbia un sentore di benzina (che detta cosi è poco invitante ma a me piace l’odore di benzina) poi esce il dolce del mandarino che però poi ti lascia l’amaro in bocca. Ecco, se io avessi un profumo cosi sarei soddisfatta. Magari vorrei fosse solo un po’ più intenso.

Oe orange 5 brazil

Non ho mai avuto un oe di arancio davvero buono, ma a me questo sembra decisamente fedele al profumo di arancio. Peccato non ho un’arancio in casa, perché secondo me è molto molto veritiera. Dolce al punto giusto. Non mi sembra avere contaminazioni. Sa di arancio e basta.

Mandarine aldeide
Mi aspettavo una cosa vomitevole e pesante, da ciò che avevo sentito in giro, invece non lo è per niente. Certo, da sola dice poco, l’ho presa per sperimentare altre cose, ma comunque il mandarino si sente e bene. Non mi trovo molto con la descrizione che la vede molto potente ma forse interpreto male io. Da capire come usarla.

Oe pimento
Va bè questo l’ho preso da farci la lozione per capelli. Ma il profumo è buonissimo. Sa di Pepe. Ma va? E di chiodi di garofano. Mi fa pure starnutire come il pepe vero.

Co2 di butter.
Va bè, il profumo del burro fresco di alpeggio quello giallino, autentico. Buonissimo. Io non saprei proprio come usarlo, ma mi accontento snasarlo dalla boccetta. E’ quello che ho messo nel carrello perché l’ho visto da serena, preso senza ragionamento ma solo per gola.

Assoluta di Turkish rose
Me l’aspettavo cosi. Cioè, me l’aspettavo cosi dopo aver snasato un oe di rosa credo pregiato. Rispetto alle fragranze sintetiche di rosa, è diversa. Molto più delicata delle fragranze sintentiche . Snasarla mi dice poco, ma se ne metto un po’ sulla pelle (ma giusto appoggiareil contagocce sporco) si sprigiona una profumo che rimane sempre delicato ma molto persistente e duraturo.

Iso e super.
Preso per curiosità, per il basso costo e per capire.
Mi aspettavo qualcosa di forte e nauseante (io trovo i profumi commerciali che ho provato piuttosto nauseanti e tutti che sanno di qualcosa in comune…e forse ho trovato il comun denominatore)
Tuttavia, mi ha sorpreso, ovvero, è si un comun denominatore di credo molti profumi commerciali , ma non ho le competenze per affermarlo, ma è comunque buono, piacevole. Interessante da sperimentare e usare con altre cose. Certo, credo sia da non tenere in considerazione se si volesse fare una cosa molto naturale. Questo sa di sintetico perché lo è. Però è interessante e visto il costo basso, potrebbe essere usato anche per fini meno nobili.
Da snasare è molto buono secondo me.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 14/05/2014, 18:45 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 01/08/2012, 21:40
Messaggi: 209
Località: itinerante
Recensisco i mie acquisti OC ,pochi ma buoni:
NEROLIDOL il sito lo descrive come una fragranza sintetica che và benissimo per integrare e migliorare altre profumazioni o per costruirne di nuove essendo anche un buon fissante. Per me è esattamente come indicato,molto delicato,leggero verde agrumato al primo impatto ma floreale quasi di lillà/mughetto a lungo rilascio,con uno sfondo di soffio legnoso.Nessun sentore di chimico.L'ho subito usato in un acqua de toilette estiva con:tè verde e gioia di GC e ylang ylang GF. Una spruzzata di fresca eleganza,(sul genere Acqua di GIO')buonissimo!
CO2 VANIGLIA BOURBON consistenza pastosa,scaldata leggerissima è già liquido,profumazione calda e dolce da vaniglia ma con un pungente di noce moscata e uno sfondo di buccia arancia ricoperta di cioccolata.Messa per prova in crema mani inodore sviluppa bene tutta la corposità,la dolcezza non stucchevole,è calda con uno sfondo di legnosità d'ebano e anche di tabacco.La stò ancora sudiando perchè nel tempo offre delle sfumature nuove,quasi lievemente balsamiche di resina di abete.Mi piace davvero molto.
ROSE ABSOLUTE-ROSA CENTIFOLIA
e QUì :amour: non ce nè per nessuno!! Io amo molto le fragranze alla rosa e sò le infinite tipologie/varianti che si possono trovare e che non ho sentito,ma questa è ciò che il mio naso e i miei sensi amano! Sentirla da tubetto non si fà,l'ho millesimata in una crema e sì,ho GODUTO! Io ci sento il profumo delle rose antiche rosso scuro velluto (quasi nero)al termine del giorno di un assolata estate,floreale totale caldo ma eppur erboso,con una nota leggera di geranio rosso e con uno sfondo lievisssssimo di spezie. Dopo un oretta emerge anche qualcosa quasi di fruttato,tipo pesca molto matura.Insomma (se non si era capito) per me è la miglior rosa MAI odorata!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils
 Messaggio Inviato: 15/05/2014, 12:11 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 16/03/2012, 14:19
Messaggi: 3858
biancospina ha scritto:

Assoluta di lavanda. Non sono una fan della lavanda, ma l’assoluta non l’avevo mai provata ed è stata una vera sorpresa: per niente canforata, anzi quasi mielata, morbida e dolce, per me femminile, la vedo bene con fiori. Concordo nel dire che non ha nulla a che vedere con l’O.E. di lavanda. Ah, ed è di un bel verde smeraldo-blu.

O.E. neroli, (non si nota che adoro i fiori d’arancio..), pure questo molto buono e fedele, pur con i limiti di un OE di fiori d’arancio (si sente quel retrogusto di neroli “cotto” dovuto alla sofferenza inferta ai fiori dalla corrente di vapore). Comunque per gli amanti del neroli secondo me può essere la via di mezzo con buon rapporto qualità/prezzo.


Assoluta di lavanda, Biancospina e hai ragione :)
Appena tuffata tal quale dentro alla Glisolid di Paty, (4 gtt su 100g) mi sto odorando le mani, sembrano appena uscite dall'armadio bianco degli asciugamani delle case di campagna in stile shabby, sto morendo :cuori: mi è venuta voglia di cucire sacchetti di lino e infilarci dentro i fiori essiccati col riso e correggere il tutto con l'assoluta :cuori: mamma che bellezza :cuori: mi sa di Provenza, di campagna, di panni stesi all'aria :cuori:

Il colore è meraviglioso :oo: (tinge un pochino, la Glisolid verdina è un amore :) ) e non lo correggerei con nulla, è semplicemente stupendo così come è :cuori:

Neroli: me lo aspettavo diverso, forse più dolce e morbido, ci sento una punta di acido che forse ci deve pure stare, non lo so. Lo devo mettere alla prova in un siero, perché è li che ce lo vedo bene, in crema insomma. Lo devo studiare per benino.
Biancospina non riesco a individuare il "cotto" al quale ti riferisci nel tuo commento...perché non ho capito cosa devo cercare :D:

Ylang ylang, ABS: semplicemente YLANG YLANG :amour:
La perfezione :amour:
È caldo e fresco nel contempo, non riesco a spiegarlo in altro modo. Ha quella punta di balsamico che mi fa pensare a un docciaschiuma estivo :eyes: al ritorno dalla spiaggia, la sera. Femminile ma non sdolcinato. Avvolgente. È il migliore ylang ylang che abbia mai avuto tra le grinfie. Bellissimo.

Voglio fare un altro ordine :cry:

_________________
Tra i fiori, il ciliegio. Tra gli uomini, il guerriero.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 15/05/2014, 12:18 
Non connesso
Spignattatore Esperto
Spignattatore Esperto

Iscritto il: 03/10/2006, 9:54
Messaggi: 4656
Approfitto di questo topic perchè suppongo che molte "appassionate" passino di qui.

Come avete segnalato il Bergamotto di Hermitage, come quello AZ e altri non sono male ma niente di che ...

Io avrei trovato una azienda Calabrese ma le spese di spedizione sono con corriere e un po' altine. In più non so molto sulla qualità anche se dovrebbe essere l'oe certificato

http://www.oliogangemi.org/Gli-Estratti.html

Non è che c'è qualche iscritta di Reggio Calabria ?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 15/05/2014, 19:07 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 30/01/2013, 17:34
Messaggi: 544
Località: Paperopoli
Eccomi finalmente un attimo e recensisco pure io.. dunque, andando un po’ in ordine sparso:

Alba Michelia OE uno degli acquisti più azzeccati di questo ordine (e meno male che era in saldo, sennò difficilmente mi sarei buttata!), mi piace davvero moltissimo, ma chi si aspetta il profumo del fiore della magnolia grandiflora potrebbe restare deluso, sono proprio specie diverse. In compenso il profumo è uno spettacolo: fine, inebriante, elegante, una nota piuttosto alta. Mi trovo d’accordo con la descrizione fatta sul sito: bello frizzantino con accenni di tè, di fiore e soprattutto di mela rossa, dolce ma assolutamente non stucchevole o “pesante” . Piuttosto complesso, è stato una gran bella scoperta.

Zanthoxylum OE prima che qualcuno con le mie stesse antipatie lo chieda: non ha nulla a che vedere con lo zanthalene! Annusato direttamente dalla bottiglia non lo trovo particolarmente entusiasmante, ma tirato fuori la storia cambia: innanzitutto si sente moltissimo il linalolo (per intenderci il componente chiave ad esempio dell’OE di aniba rosaeodora –legno di rosa), ma il meglio di sé però secondo me lo dà dopo alcuni minuti quando tira fuori le note delicatamente fruttate e speziate..
per curiosità l’ho voluto provare pure in diffusione e devo dire non male, non un must, non mi ha fatto saltellare per casa dalla gioia, ma non male.

Assoluta tabacco (senza nicotina) dalla consistenza sciropposa, questa assoluta non ha quasi per niente note di testa e ci vuole un po’ per poterla annusare bene.. calda, ricca, voluttuosa.. diventa però via via sempre più “secca” a mano a mano che evapora ( e in effetti è proprio l’odore della foglia di tabacco secca) voglio proprio provarla abbinata alla vaniglia per vedere se riesco ad avvicinarmi a “tabacco toscano” di SMNovella. Mi pento solo di averne preso solo 1 ml, ho l’impressione che potrei usarne abbastanza.

Petitgrain limone OE eccone un altro che trovo fantastico! una foglia di limone stropicciata, ma più dolce (senza la nota di apertura un po’ brusca che invece caratterizza il petitgrain di arancio amaro) e un profumo tenue della buccia dei frutti. Squisito, rinfrescante, raffinato. A voler essere puntigliosi una volta che i sentori di foglia sono evaporati resta un profumo di “canarino” ( cioè la bevanda che si ottiene facendo bollire per pochissimi minuti la sola buccia del frutto, un ottimo aggiusta-stomaco :D: ), molto gradevole, solo al dryout non ne sono del tutto entusiasta, ma a quel punto è davvero tenue e facilmente mascherabile con altro. A questo punto non vedo l’ora di snasare pure il petitgrain di bergamotto!!

Menta spicata OE altra nota di testa, il suo aroma può ricordare quello di molti chewing gum (tipo brooklyn).. per quanto mi riguarda la trovo molto più delicata, stimolante, piacevole e spendibile anche in profumeria rispetto invece alla piperita anche perché a me quest’ultima dà problemi (quindi sarà pure per quello che non riesco proprio ad apprezzarla, ma in generale -personalmente!- la trovo troppo invadente, stucchevole e medicinale).

Galbanum OE uno dei pochissimi veri e propri profumi “verdi” presenti tra le essenze naturali (l’altro illustre rappresentante della categoria l’assoluta di foglia di violetta), è un OE mobilissimo, in effetti liquido quasi quanto l’acqua, dal profumo molto forte (ed è un’altra nota di testa), che ricorda foglie verdi, forse di pino in particolare e l’aria pulita dopo una forte pioggia (ma con sprazzi di odore di vernice a solvente all’inizio :oo: :? ..). Personalmente non lo considero un odore “mite”, anzi è piuttosto spigoloso e sa il fatto suo, non l’ho ancora provato in un blend ma a naso parrebbe necessitare di una mano piuttosto leggera, soprattutto se abbinato a note più delicate.. dalla stessa pianta si ottiene anche una resina che ha simili caratteristiche ma con una nota più bassa e un certo potere fissativo.

CO2 Noce moscata calda, (ovviamente) speziata, dolce e legnosa, resta molto fedele al profumo della spezia, ma con una puntina di dolce in più..

Assoluta di alghe (incolore) su questa ci risentiamo tra un po' quando (e se!) l’ho capita! E soprattutto una volta sperimentata da diluita.. tal quale in goccia microscopica sulla pelle è salata e affumicata, maschile, in effetti sa di alga secca, così a naso mi pare piuttosto affine al muschio di quercia, ma meglio che vada a studiare, vah, poi edito

CO2 pesca (dulcis in fundo!) la descrizione che ne fa sul sito mi pare più che appropriata! Se chiudo gli occhi mi pare proprio di addentare una pesca ben matura, piena di sapore e vitamine. Il profumo dell’estratto è molto fedele rispetto a quello del frutto, dolce-acidulo all’inizio, poi via via più dolce, piuttosto persistente, con un sottofondo che ricorda il succo di frutta. Ne ho una goccina su adesso su un polso e c’è Miele (il mio gatto-pupillo) che mi annusa con una certa insistenza (è golosissimo di frutta..) argh no mi ha leccato il polso! Bene, direi odore MOLTO fedele al frutto :evil:

_________________
Lights will guide you home


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Hermitage Oils - recensioni sugli oli
 Messaggio Inviato: 15/05/2014, 19:09 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 16/03/2012, 14:19
Messaggi: 3858
Biancospina :cry:
Me li spieghi i fiorellini cotti che vuol dire per favore?
(Leggi neroli :D: )

_________________
Tra i fiori, il ciliegio. Tra gli uomini, il guerriero.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 62 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Indice » Prodotti in vendita » I vostri commenti


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], solita e 15 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb. Viaggi