Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Dritte cosmetiche




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 127 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La scadenza dei prodotti: il PAO
 Messaggio Inviato: 23/10/2006, 17:07 
 
Sulle confezioni al posto di una data di scadenza vedo molto spesso solamente il disegno col barattolino aperto e il numero di mesi entro i quali consumare il prodotto.
Ma mi chiedevo... quanto durerebbe il cosmetico in questione prima che si apra la confezione?

Grazie


Top 
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2006, 17:23 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10447
Dunque, se non è specificato vuol dire che il cosmetico dura più di tre anni.
Infatti l'obbligo della scadenza cosmetico intonso c'è se è inferiore a tre anni.
Ciao.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2006, 17:25 
 
Ops, forse non mi sono spiegata... io mi chiedevo, nel caso in cui si compri un prodotto (che ha il simbolino della scadenza) e non lo si usi subito, quanto potrebbe durare (fino al momento in cui non lo si apre, e da lì inizia il tot di mesi riportati nel disegno...).
Grazie ancora.


Top 
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2006, 17:31 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10447
Veronica :muro: leggi bene quello che ho scritto.

Ulteriormente: sul flacone c'è scritto il mese/anno oppure il lotto di produzione, con quel dato se chiami la ditta produttrice ti dice il periodo di produzione dal quale partono i tre e più anni.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 23/10/2006, 17:39 
 
Laura ha scritto:
Veronica :muro: leggi bene quello che ho scritto.

Ulteriormente: sul flacone c'è scritto il mese/anno oppure il lotto di produzione, con quel dato se chiami la ditta produttrice ti dice il periodo di produzione dal quale partono i tre e più anni.


Grazie, è che pensavo di non essermi spiegata all'inizio :roll:
Ciao e grazie ancora.


Top 
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/10/2006, 16:39 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35149
Località: Monfalcone
Dunque: dicesi PAO (period after opening) la nuova trovata legislativa per tutelare il consumatore. Da poco tempo è d'obbligo mettere in etichetta il simbolino del barattolo aperto con indicato il numero di mesi nei quali, dopo l'apertura, si può tranquillamente usare il cosmetico in questione.

All'inizio i produttori hanno nicchiato, poi hanno trovato che in realtà non lo guardava nessuno e comunque la cosa al limite gli fa vendere più prodotti, se uno li butta prima di averli finiti!

La cosa, che ad un primo sguardo sembra molto carina e giusta, in realtà si è ritorta contro il consumatore...
Ho visto creme che durano cent'anni come minimo, su cui nessun batterio o muffa potrebbe crescere neanche se lo ingozzassimo, con pao di un anno (forse per non far capire che è petrolio puro...?). Ho visto creme di fitocose che durano tranquillamente un anno con pao di 4 mesi; ho visto le creme al supermercato che hanno il pao con confezioni che può aprire chiunque (e chi non ha mai snasato un bagnoschiuma...?).

Quello su cui veramente i produttori hanno lottato fino alla morte è un altro punto: non vogliono far sapere la data di produzione. Questo perchè un cosmetico può, allo stato attuale delle cose, essere in teoria venduto anche a dieci anni dalla produzione. I produttori hanno obiettato che ci sarebbe un problema che al momento non hanno: i resi. Ma a me consumatore che me ne frega delle loro spese, che già mi fanno pagare uno sproposito cose che costano pochissimo??? :evil:

Questo sarebbe importante, sapere quando è stato prodotto un cosmetico, non quanto mi dura dall'apertura, cosa che so riconoscere da me tranquillamente.
L'anno di produzione è importantissimo per i solari, visto che i filtri chimici si degradano da soli nel prodotto dell'anno precedente!

In generale, del PAO vi potete infischiare tranquillamente. Se un ombretto vi irrita, buttatelo, vuol dire che ha dentro abbastanza batteri. Idem per il mascara. Se una matita per il trucco improvvisamente puzza buttatela. Le creme finchè non cambiano odore, colore e consistenza si possono usare. Gli olii naturali irranciditi si riconoscono a naso: butatteli subito, i perossidi spalmati sulla pelle fanno malissimo.

A questo punto chiedo a chi lo sa (mi pare Laura e Tagliar): come faccio a capire l'anno di produzione? So che c'è un metodo ma non l'ho mai capito bene.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/10/2006, 17:08 
Non connesso
esimio cosmetologo
esimio cosmetologo

Iscritto il: 07/10/2006, 19:27
Messaggi: 45
Lola ha scritto:
A questo punto chiedo a chi lo sa (mi pare Laura e Tagliar): come faccio a capire l'anno di produzione? So che c'è un metodo ma non l'ho mai capito bene.


Ciao Lola, ti avevo detto che avrei fatto un sacrificio umano :D: (noooo, nel senso che non è poi un gran sacrificio). Il sistema di codifica del lotto di produzione varia da azienda a azienda. Nei sistemi più semplici si può indicare il giorno con un progressivo a tre cifre e l'anno si scrive proprio (04, 05, 06), e allora ti trovi con un lotto tipo 05257 oppure si mette solo l'ultimo numero per definire l'anno (5257 o 2575), c'è poi chi mette le lettere per indicare i mesi (a=gen, b=feb ecc), oppure si può usare un sistema di codifica a lettere che se non sai da che anno sono partiti non lo scoprirai mai.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 24/10/2006, 18:17 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35149
Località: Monfalcone
Grazie mr. pink, quando vado a casa controllo subito! Anzi... ho un sapone liquido in bagno, 'speta che vado a vedere:

10054564BM cosa capisco da sta cosa? :oo:

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/10/2006, 16:23 
Non connesso
Moderatrice VIP
Moderatrice VIP
Avatar utente

Iscritto il: 29/09/2006, 9:57
Messaggi: 16392
Località: Milano
Lola ha scritto:
A questo punto chiedo a chi lo sa (mi pare Laura e Tagliar): come faccio a capire l'anno di produzione? So che c'è un metodo ma non l'ho mai capito bene.


Ha ragione mr.pink: ogni azienda ha una sua "logica" nel dare i numeri di lotto. Il più delle volte è quasi impossibile capire la data di produzione :tris:

_________________
Immagine

“Siate felici e se qualche volta la felicità si scorda di voi, voi non vi scordate della felicità” (R. Benigni)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 25/10/2006, 20:47 
 
Prendo un prodotto a caso di crema fitocose:
Lotto 05M1 (sarà 1 novembre 2005?), scadenza 11 07.
Il che potrebbe tornare, 24 mesi per un gel contorno occhi.
E se oltre a comprare ecobio cominciassimo anche a comprare da coloro che vendono ...in chiaro?


Top 
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 09/12/2006, 17:13 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 11/11/2006, 17:38
Messaggi: 68
Località: Provincia di Milano
Ho a casa due oli che ho comprato più di un anno fa.
Gli oli in questione sono: Nature's Olio Coccole e Nature's Sensualite' Olio Secco Corpo Sensoriale.
Hanno entrambi il pao di un anno, il primo è quasi finito, ma l'altro è praticamente pieno e mi spiacerebbe buttarlo via.
Secondo voi sono scaduti veramente?
Ho provato ad annusarli e non mi pare di sentire odore di rancido.
Mi posso fidare del mio naso?
O forse no visto che gli oli sono stati arricchiti da oli essenziali?

Grazie e scusate se vi sto tartassando di domande, è che ho così tanto da imparare...


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 09/12/2006, 21:29 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35149
Località: Monfalcone
Sì ti puoi fidare, nessun olio essenziale riesce a camuffare il rancido. E usali!!!! :bam:

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 06/01/2007, 10:51 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 28/09/2006, 19:58
Messaggi: 826
Località: Bologna, per caso
Scusate ma ho una domanda un po'cretina..come mio solito :mirmo:
(quindi mi autopirlono a priori)

Stamattina, tra i vari danni che ho fatto, c'è stato quello di aprire una bellissima crema viso Montalto all'olivello spinoso, un istante prima di accorgermi che nel cassetto c'era anche mezza Iris Weleda da finire -_-''

:cry:

Il PAO della crema Montalto è di 3 mesi :oo:
Considerato che non l'ho toccata ma ho solo sollevato un po' il tappo salvafreschezza, ho innescato o no il PAO? :?

_________________
Time you enjoy wasting was not wasted - John Lennon


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 06/01/2007, 11:21 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 13/10/2006, 15:58
Messaggi: 73
Paia io sono per il: colore uguale? odore uguale? consistenza uguale? Crema funziona!
Uso la crema al mirtillo da più di quei 4 mesi e va ancora, finchè non ammuffisce la uso!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 06/01/2007, 11:43 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 28/09/2006, 19:58
Messaggi: 826
Località: Bologna, per caso
Eh ma io vorrei capire se il PAO si innesca anche solo con il contatto con l'aria, per il resto la penso come te, ma la mia domanda era un'altra 8)

_________________
Time you enjoy wasting was not wasted - John Lennon


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 08/01/2007, 0:15 
 
letto questo:

Lola ha scritto:
ho visto le creme al supermercato che hanno il pao con confezioni che può aprire chiunque (e chi non ha mai snasato un bagnoschiuma...?).


deduco che il pao si "inneschi" ad apertura della confezione...


Top 
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 10/01/2007, 20:40 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35149
Località: Monfalcone
Il pao si innesca all'aperetura per snasare, perchè i batteri e le spore stanno nell'aria. Quando ci intingete il dito date il colpo di grazia. Ciò non toglie che tre mesi di pao non riuscirei ad ottenerli neanch'io facendo le cose in casa senza disinfettare; mi sembra che alla Montalto se la tirino troppo.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 10/01/2007, 20:50 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10447
Lola ha scritto:
Il pao si innesca all'aperetura per snasare, perchè i batteri e le spore stanno nell'aria. ......


Mio marito ha uno zio di 78 anni...ruspante :D , sapete di quelli che in tutte le stagioni portano la canottiera di lana pizzicosa e la camicia a quadretti di cotone, ci fossero 40 gradi o mezzo metro di neve lui così va fuori. La figlia un giorno l'ha rimproverato "papà quando torni dalle galline devi lavarti le mani" e lui "ma sono pulite" e la figlia "ti sembra ma sopra ci sono i microbi" e lui " microbo? Io non l'ho mai incontrato!" :D: :D:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 11/01/2007, 11:22 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35149
Località: Monfalcone
Laura, giusto l'altro giorno mi è capitata fra le mani una bottiglietta finita di - probabilmente- detergente. Sai che ho il centro regionale raccolta vasetti... ebbene, aveva la MUFFA dentro! Non è un'eventualità tanto remota l'inquinamento batterico, specialmente coi fighetti che ci mettono conservanti al limite limite per fare naturale.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio:
 Messaggio Inviato: 11/01/2007, 11:48 
 
Va bè :roll:
Se vogliamo i prodotti veramente NATURALI non dobbiamo lamentarci se poi ammuffiscono.
Il problema spesso è che non si sa bene neanche noi che accidenti si vuole: il prodotto ecobio con miliardi di componenti attivi ma non testati, niente conservanti ma che duri in eterno, materie prime di qualità eccelsa ma con un prezzo finale bassissimo.
Eccheccavolo :evil:

[no linguaggio sms] :firu: è agghiacciante sapere che al minimo contatto con l'aria le cose si... contaminano :D:
E pensare che al vino o al lievito i batteri fanno tanto bene :cin:


Top 
  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 127 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 7  Prossimo

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Dritte cosmetiche


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb. Viaggi