Registrati    Login    Forum    Cerca    FAQ

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Regole del forum


in questa sezione NON SI POSTANO INCI



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 195 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 21/11/2014, 13:00 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/04/2014, 20:24
Messaggi: 56
Località: CREMA CR
Ciao a tutte, scusate ma non ho chiaro un paio di punti :

estratto glicolico: non è il massimo, perché estratto con una derivazione petrolifera e quindi ne risulta che sia un ottimo solvente e veicolante ( anche di ciò che non vogliamo veicolare ) ma d'altra parte, proprio per come è estratto, è ricco di principi attivi.
In che fase si utilizza?

estratto glicerinato : meno ricco di principi proprio perché estratto con glicerina.
per sua natura ( glicerina ) lo metterei in fase A giusto?

In ogni caso sarebbe meglio sostituire l'eventuale estratto glicolico con un estratto co2?

Grazie mille!

_________________
Immagine--Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere.---


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 21/11/2014, 13:26 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 11/09/2008, 9:55
Messaggi: 10638
Località: S. Gimignano
Tu non devi pensare al solvente, ma al soluto, per decidere in che fase metterlo... I principi vegetali estratti sono quasi tutti delicatini, quindi non vanno scaldati. Se li stai usando in una preparazione a caldo, vanno messi in C,


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 21/11/2014, 16:12 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/04/2014, 20:24
Messaggi: 56
Località: CREMA CR
Ah, grazie mille Galatea, ho capito, quindi devo prendere in considerazione, di fatto, cos'è che sto andando ad inserire!
Per quanto riguarda l'estratto co2, cosa dici? meglio quello, invece di un glicolico?

Grazie!

_________________
Immagine--Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere.---


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 21/11/2014, 16:17 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 11/09/2008, 9:55
Messaggi: 10638
Località: S. Gimignano
Non è una questione di meglio.. Il CO2 è un tipo di estrazione in cui il solvente evapora completamente, quindi avrai l'estratto e basta. In alcuni casi è preferibile, dipende da quello che vuoi :)
Ad esempio i glicerici potrebbero portare glicerina non desiderata nella formula, però la glicerina è un grande idratante :)
I glicolici apportano il propilenico che ad alcuni non piace, ma che aggiunge setosità al prodotto.. Insomma, questione di formula e di gusto personale :)


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 21/11/2014, 16:41 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 20/04/2014, 20:24
Messaggi: 56
Località: CREMA CR
:amour: grazie!! sintetica e chiara! :) gentilissima! :)

_________________
Immagine--Non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere.---


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Estratto idro-glicerico di tè verde giapponese Matcha
 Messaggio Inviato: 30/11/2014, 12:31 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 23/07/2013, 14:17
Messaggi: 538
Località: Roma
Immagine

Posso inserire qui come ho fatto questo estratto? Se non lo ritrovo vuol dire che non dovevo ;)

5 g tè matcha (polverizzato)
10 acqua
15 glicerina
7 gtt cosgard (0,20 G)

Mescolato per bene e fatto stare in bottiglietta di vetro scuro per 2 settimane (forse era meglio 3, ma ho fatto dal 10 al 23 novembre compresi):

Ho mescolato ogni giorno lasciando direttamente dentro la bottiglina un minicucchiaino di plastica buona dura trasparente, in modo di non sprecare prodotto ogni volta fra metti e leva. Si potrebbe fare anche con una pipetta di vetro..

Ho poi filtrato con un telo abbastanza fitto la fanghiglia, strizzando fuori una fanghiglia più liscia!! ;)

E' rimasto un deposito di polvere fitta nel telo...
Lo conservo in frigo.

Questo il risultato:
Immagine


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 30/11/2014, 14:02 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10498
Ok, ma non sai che titolazione ha quindi se è utile a qualcosa, non sai se sarà stabile nel tempo; sarà di sicuro per te una soddisfazione usare qualcosa preparato da te, ma non si può certo dire che questo sia un'estratto di qualità.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 30/11/2014, 15:12 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 23/07/2013, 14:17
Messaggi: 538
Località: Roma
Grazie1000 Laura del commento.

Sicuramente c'è di meglio che l'estrazione con sola glicerina (prima o poi bisognerebbe proprio convertirsi all'estrazione con glicole propilenico.. ma ancora non ce la faccio :neutral: ), ma sperando di estrarre comunque qualcosa, ho seguito le indicazioni secondo quanto scritto in questo post da Valussi.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 01/12/2014, 12:02 
Non connesso
maestrina moderatrice
maestrina moderatrice
Avatar utente

Iscritto il: 07/10/2006, 16:39
Messaggi: 10498
Lindy in quel topic hai forse confuso Urbani con Valussi? Perchè non vedo traccia di quest'ultimo.
In ogni caso lì si parla di una cosa differente perchè si parla dell'inserimento ottimale in formula di un estratto già pronto, titolato, abbastanza stabile; il tè che hai utilizzato non è un estratto secco e via dicendo.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 01/12/2014, 14:09 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 23/07/2013, 14:17
Messaggi: 538
Località: Roma
Laura, grazie mille per la spiegazione.. ho imparato un'altra cosa...
Credevo che il mio tè (essendo polverizzato) fosse paragonabile ad un qualsiasi estratto secco..
Per Urbani/Valussi.. si ho confuso, sorry :oops:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 08/01/2015, 15:27 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 15/02/2010, 22:25
Messaggi: 272
Località: prov.VA
come usate l'estratto di liquirizia? su Az dice che è insolubile sia in acqua che in olio. Sul polacco dice che è idrosolubile e si può mettere anche in fase C. Su entrambi i siti mi pare che di tratti dello stesso Glycyrrhiza Glabra Root Extract

_________________
SiL


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 10/01/2015, 12:00 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato
Avatar utente

Iscritto il: 14/08/2010, 7:01
Messaggi: 2284
Località: OZ
Gli estratti, se l'emulsione è a caldo, vanno sempre in c perchè il calore potrebbe rovinare i principi attivi. Se l'emulsione è a freddo lo puoi mettere in a, a meno che non sia un co2 che va in b (a freddo). Solitamente l'estratto di liquirizia è in glicerina, alcool, acqua, o glicole propilenico.

_________________
"salagadula magicabula bidibibodibibù fa la magia tutto quel che vuoi tu bidibibodibibù"


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 28/01/2015, 23:48 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 26/07/2014, 17:59
Messaggi: 1162
Località: Milano
Mi era venuta un'idea: provare ad elaborare un detergente intimo alla calendula e camomilla. A questo punto però chiedo: ma gli estratti glicolici si usano nei detergenti oppure dato che vengono lavati via sarebbero inutili e fanno solo tanta poesia? Ho guardato i vari topic e noto sempre l'uso nelle creme, anche nella lista dei detergenti intimi fai da te promossi non ce n'è traccia. E se non si usano gli estratti, cosa si può mettere dentro al detergente per fargli assorbire i principi attivi della calendula e della camomilla? :nonso:


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 24/05/2015, 14:49 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 26/07/2014, 16:23
Messaggi: 373
Località: Lecco
Ragazzi, avrei bisogno del vostro prezioso aiuto... Alura dopo aver letto tutto il Topic ho capito solo che ci sono molte variabili per poter scegliere un certo tipo di estratto piuttosto che un altro... perciò per capire quali estratti acquistare ho ragionato in questo modo, come consigliato qualche pagina fa...
Vorrei produrre principalmente emulsioni per il corpo, particolarmente creme doposole visto il periodo a cui andiamo incontro, che siano, oltre che lenitive (io ho la pelle molto chiara) anche anti eritema; in seconda istanza magari potrei realizzare anche creme viso, per lo più lenitive ed idratanti, magari con aggiunta di qualche attivo antiage a completamento.
Quindi mi sono orientata sull'acquisto dei seguenti estratti:
1. Calendula
2. Camomilla
3. Carota
4. Centella
5. Giglio Bianco
Ora mi resta "solo" decidere QUALI tipi di estratti...
1. Calendula: mi pare di aver capito che l'estratto glicolico sia il più utilizzato in lozioni doposole
2. Camomilla: estratto CO2 è il più titolato in bisabololo, quindi più adeguato per creme doposole o comunque lenitive
3. Carota: estratto CO2? Inizialmente ero orientata sull'oleolito che potrei autoprodurre, ma mi pare di aver capito che sia molta poesia e poca funzionalità
4. Centella: estratto idroglicerinato o estratto fluido (oppure estratto secco da utilizzare per autoprodurre l'estratto idroglicerinato)
5. Giglio Bianco: estratto glicolico
Chiedo consiglio alle più esperte... devo fare un nuovo ordine e navigo in un mare magnum di estratti vegetali :roll:

_________________
Fuck the world, I'm a unicorn


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 24/05/2015, 17:22 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 23/10/2012, 22:51
Messaggi: 2018
Località: la ridente val di nievole
lamia ha scritto:
come usate l'estratto di liquirizia? su Az dice che è insolubile sia in acqua che in olio. Sul polacco dice che è idrosolubile e si può mettere anche in fase C. Su entrambi i siti mi pare che di tratti dello stesso Glycyrrhiza Glabra Root Extract


io ho usato quello polacco (che è in polvere) per un gel e si scioglie benissimo in acqua a freddo.

_________________

Stay hard, stay hungry, stay alive
If you can
And meet me in a dream of this hard land


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 29/05/2015, 22:04 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 18/10/2014, 8:56
Messaggi: 546
Località: Bologna
Laura ha scritto:
Ok, ma non sai che titolazione ha quindi se è utile a qualcosa, non sai se sarà stabile nel tempo; sarà di sicuro per te una soddisfazione usare qualcosa preparato da te, ma non si può certo dire che questo sia un'estratto di qualità.


Dopo aver letto questo, mi sa che dovrò buttar via diversi estratti glicolici e TC homemade (e il mio siero gioioso deve ancora attendere! :cry:). D'altra parte, quelli della F********r non mi convincono: sia perché hanno un aspetto troppo limpido (e quindi non mi fanno pensare di essere molto concentrati), sia per l'elevato contenuto di glicole propilenico (oltre l'80%!) che risulta dalle schede tecniche degli EG.
Ho pensato allora di realizzare degli estratti casalinghi a partire da ES titolati: ne ho già messi tre sotto acqua e glicole (ES 25%, acqua 25%, glicole 50%) e un quarto (non titolato, purtroppo), sempre al 25%, in una mistura di acqua e buongusto a 45°.
Penso che sia una buona cosa ridurre il glicole propilenico, in modo da poter aggiungere quantità non simboliche di ES (fino all'1%, diciamo, contenuto in 4g di EG) allo spignatto, senza caricare quest'ultimo di solvente.
Ho notato che con le ore l'aspetto delle misture cambia, facendosi più omogeneo; aspetterò quindi qualche giorno, prima di filtrarle.
Spero che sia una procedura corretta.

_________________
Lavarsi la testa, truccarsi e indossare vesti di seta profumate d'incenso; anche se nessuno ci vede, il nostro cuore gioisce per una tale situazione di agio e di armonia.
Sei Shonagon


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 30/05/2015, 8:52 
Non connesso
utente avanzato
utente avanzato

Iscritto il: 25/06/2013, 15:21
Messaggi: 600
Località: Torino / Roma
Forse ho capito male io...ma perché vuoi estrarre da un estratto? E' già estratto! :lol:
Perché non usi l'estratto secco e basta se vuoi evitare il glicole?


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 30/05/2015, 11:28 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 18/10/2014, 8:56
Messaggi: 546
Località: Bologna
Perché ho verificato che gli ES adoperati normalmente (cioè, sciolti in fase A) mi rovinano precocemente gli spignatti, probabilmente a causa delle maltodestrine. Spero che trattarli preventivamente con alcool o glicole risolva il problema: ma, per l'appunto, è solo una mia idea, che sto mettendo alla prova.

_________________
Lavarsi la testa, truccarsi e indossare vesti di seta profumate d'incenso; anche se nessuno ci vede, il nostro cuore gioisce per una tale situazione di agio e di armonia.
Sei Shonagon


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 31/05/2015, 7:28 
Non connesso
Grande Capa
Grande Capa
Avatar utente

Iscritto il: 28/09/2006, 10:47
Messaggi: 35457
Località: Monfalcone
se sono le maltodestrine ad inficiare la stabilità (o la durata? ) dello pignatto, non spariscono in alcool.

_________________
...perchè io VI VEDO.


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Estratti vegetali: uso cosmetico
 Messaggio Inviato: 01/06/2015, 3:32 
Non connesso
Spignattatrice
Spignattatrice
Avatar utente

Iscritto il: 18/10/2014, 8:56
Messaggi: 546
Località: Bologna
Più che sparire, speravo che alcool o glicole impedissero loro di fermentare. Ma se non è così, che faccio? Butto questi estratti e uso solo i miei EG e TC acquistati, che però mi sembrano troppo limpidi e "deboli"?

_________________
Lavarsi la testa, truccarsi e indossare vesti di seta profumate d'incenso; anche se nessuno ci vede, il nostro cuore gioisce per una tale situazione di agio e di armonia.
Sei Shonagon


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 195 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 6, 7, 8, 9, 10  Prossimo

Indice » L'inci, questo sconosciuto » Ingredienti dei cosmetici


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Martarella e 13 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Hosted by MondoWeb. Viaggi